NAPOLI-MILAN VOTI PAGELLE CORRIERE DELLO SPORT – Di seguito trovate i voti e le pagelle de Il Corriere dello Sport riguardanti la sfida Napoli-Milan, giocata al San Paolo ieri sera. Il quotidiano romano promuove Aquilani (voto 6) ma boccia Alexandre Pato (voto 4,5) che dopo il guizzo contro il Camp Nou non si ripete a Napoli risultando impalpabile.

NAPOLI
9 Cavani -Si era conge­dato dal San Paolo con una tripletta alla La­zio il 3 aprile. Cinque mesi dopo cala un altro tris, stavolta più pesante, delizioso, da vero re del gol. Dopo Manchester, il Matador sale sugli scudi anche a Fuorigrotta. Una partita da incorniciare che manda in visibiliotutto lo stadio.

8 Mazzarri (all.) -Il suo Na­poli è un capolavoro di calcio moderno: attento in fase passiva, micidiale nelle ripartenze, impla­cabile sotto rete. E’ il col­lettivo che esalta i singo­li: quello che il tecnico toscano vuole dai suoi ra­gazzi.

7,5 Maggio -Si esibisce nella sponda aerea da cui nasce il vantaggio del Napoli. Gioca una partita sagace sotto il profilo tat­tico.

7,5 Gargano -Progressione mostruosa nell’azione del raddoppio conclusa con l’ assist al bacio per Cavani. A centrocampo diventa uno stantuffo inesauribile. Tiene d’oc­chio Van Bommel e non solo lui.

7 De Sanctis -Prodigioso nell’uscita di piede su Aquilani, non ha colpe specifiche sul gol, riesce a districarsi anche fuori dei pali

7 Campagnaro -Dalle sue parti si fiondano a turno Pato e Cassano ma non perde mai la bussola. Preciso ed ordinato nel­l’uscire palla al piede
7 Cannavaro -S’accorge anche dell’inserimento di Aquilani nell’azione del vantaggio rossonero ma non riesce ad inter­venire in tempo. L’arbi­tro lo grazia su un fallo di mani in area.

7 Aronica -Costretto a fare gli straordinari per tene­re a bada Cassano. S’aiu­ta con il mestiere in più di un’occasione e non va tanto per il sottile quan­do deve spazzare l’area. Giganteggia nella ripre­sa.

7 Dossena -Esprime le co­se migliori quando è lui ad attaccare Abate. Nella ripresa si fa apprezzare anche in fase difensiva.

7 Hamsik -In avvio segue Seedorf limitando di molto il raggio d’azione dell’olandese. Poi si spo­sta in avanti e comincia a diventare un pericolo costante per la difesa rossonera

7 Lavezzi -Si vede che non è il solito Pocho, eppure incide abbastanza nella partita. Suo il calcio da fermo da cui nasce la combinazione per il pri­mo gol. Più intrapren­dente nella ripresa, sep­pure con punte di egoi­smo.

6,5 Inler -Il centrocampi­sta svizzero è troppo con­dizionato dal dover limi­tare Aquilani, che perde anche in occasione del gol. Riesce a fatica a far ripartire l’azione ma tira fuori i muscoli quando s’accende la bagarre.

6,5 Dzemaili -Si cala nella partita con lo spirito giusto.

MILAN

6 Aquilani -Primo e im­prevedibile ( di testa) gol in rossonero. Gioca da trequartista. Vede il rad­doppio con il Milan in svantaggio, ma De Sanctissi oppone molto bene.

5,5 Abate -Assente ingiusti­ficato sul contropiede do­ve Cavani tira a botta sicu­ra senza la sua marcatura. Tenta di velocizzare la manovra offensiva quando il Milan va in svantaggio.

5,5 Nesta -La serataccia di Thiago Silva lo rende me­no tranquillo. Tenta inva­no di bloccare Cavani che può battere indisturbato, per la seconda volta, Ab­biati. Merita il «rosso», ma Tagliavento lo grazia, quando spinge a terra Aronica. Si distrae anche lui sul terzo gol di Cavani.

5,5 Nocerino -Dossena lo mette spesso in crisi, an­che perchè Cassano e Pa­to perdono troppi palloni. Entra spesso in maniera fallosa, rischia il secondo «giallo».

5,5 Bonera -Resta sorpreso dall’assist di testa di Mag­gio per Cavani che può calciare indisturbato.

5 Antonini -Cerca di dare più spinta in avanti, ma ci sono pochi spazi.

5 Van Bommel -Decisamente affaticato e stressato an­che dalla scarsa consi­stenza di Seedorf che non è in serata.

5 Emanuelson -Impalpabile, inutile.

5 Seedorf -Parte lento e compassato, soffre ilpres­singavversario, perde troppi palloni. Non chiude su Cavani in occasione delterzo gol.

5 Abbiati -Potrebbe fare certo di più sul primo tiro­gol di Cavani che gli passa in mezzo alle gambe. An­che sulla seconda rete si fa sorprendere sul suo palo. Impotente sultriplete.

5 Thiago Silva -Ha trascorso la notte della vigilia quasi insonne a Napoli a causa di problemi intestinali. C’è sicuramente un concorso di colpa del brasiliano non riesce ad anticipare Mag­gio che, con un colpo di te­sta all’indietro, serve Ca­vani per il gol dell’1-1.

5 Cassano -Fantantonio confeziona una delle sue « magie » più apprezzate del suo repertorio: l’assist spiovente in area per la te­sta di Aquilani. Poi si per­de sotto i colpi e gli antici­pi dei napoletani che lo braccano, a turno, in ogni zona del campo. Non tro­va in Pato un valido inter­locutore.

5 Allegri ( all.) -Si arrabbia tantissimo in occasione delle due reti di Cavani: la difesa del suo Milan si fa sorprendere in entrambe le occasioni. Mazzarri lo batte per la prima volta in carriera. Ha come atte­nuante le numerose assen­ze.

4,5 Pato -Sempre le­zioso e superficia­le, come quando perde il pallone che innesca l’azio­ne del secondo gol di Ca­vani.

L’arbitro
5 Tagliavento -E’ da rigore il fallo in mano di Cannava­ro ed è da espulsione la reazione di Nesta su Aro­nica.

La redazione di Milanlive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it