Forse Taiwo era proprio da cartellino rosso

MILAN, IL PRESIDENTE DEL CESENA PARLA DI TAIWO E DELLA MANCATA ESPULSIONE – Il presidente del Cesena, Igor Campedelli, ai microfoni di Controcampo Linea Notte è tornato sulla sfida contro il Milan, concentrandosi sulla mancata espulsione di Taiwo: “Il secondo fallo di Taiwo era evidentemente da cartellino – dice con convinzione –, era al limite tra il giallo e il rosso. Sappiamo che andare a San Siro è sempre difficile, ma credo sia giusto che anche una squadra come il Cesena parta con l’idea di giocarsela. È un errore che ci ha penalizzato, ma con questo non voglio minimamente pensare che sia una cosa voluta – sottolinea probabilmente sottintendendo la non intenzionalità dell’arbitro (che in ogni caso non aveva ammonito nemmeno Candreva, ripetutamente fischiato) -. Voglio solo immaginare che si tratti di una svista, o perlomeno di una decisione che ti fa riflettere un secondo in più quando c’è di mezzo una grande squadra. Non diciamo niente di nuovo e niente di male se poniamo l’accento sul fatto che un errore commesso ai danni di una grande squadra provoca un polverone enorme, mentre un errore, come quello di ieri, commesso ai danni di una piccola squadra come il Cesena, passa inosservato”.

Arianna Forni, Direttore – www.milanlive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it