Milan » Milan News » Milan, che numeri e che statistiche: sei da scudetto!

Milan, che numeri e che statistiche: sei da scudetto!

MILAN SCUDETTO – La quinta posizione a pari merito con Napoli e Roma non desta alcun tipo di preoccupazione. Il Milan sta risalendo pian piano da un incipit un po’ maldestro, e le vittorie con Palermo, Bate e Lecce confermano la ripresa della squadra. Undici punti conquistati in sette partite, sufficienti in un campionato che ancora sonnecchia, privo di un vero condottiero; il gruppo di Allegri ha perso diversi punti per strada. Ha mostrato a lunghi tratti il gioco spumeggiante della stagione scudettata (Juve a parte), ma si è sprecato molto, causa infortuni e/o disattenzioni difensive. I numeri messi a disposizione dalla Lega Calcio parlano chiaro: la squadra è al top in molte sotto-classifiche e la più deficitaria sembra proprio quella ufficiale.
I rossoneri sono in testa in diversi aspetti: le palle giocate (668.4 a partita), il possesso palla (30’ 22’’), i passaggi azzeccati (72.6) e la supremazia territoriale (quasi 14’ a partita nella metà campo avversaria). Tutti numeri da Scudetto, per una squadra che vuole sempre avere il pallino del gioco e che, nonostante la partenza di Andrea Pirlo, ha ancora tanti piedi buoni in mediana.
Il Milan occupa la seconda posizione per gol fatti (12, scavalcato ieri sera dalla Juventus), tiri totali (dietro la Lazio con 15.1) e tiri nello specchio (6, alle spalle del Genoa).
Numeri incoraggianti, occorre solo maggior cinismo. Analizzando i dati riguardanti i singoli giocatori, si impone prepotentemente la filosofia di gioco di Allegri: punte molto tecniche e dall’assist facile, centrocampisti che sfruttano i loro movimenti e si inseriscono. Sono bel 9 infatti i rossoneri andati a segno sino ad ora, ed il bomber è Kevin Prince Boateng a quota tre. Molti elementi partecipano alla fase offensiva e sfruttano i piedi fatati di Zlatan Ibrahimovic ed Antonio Cassano, rispettivamente terzo e primo nella classifica degli assist men.
Statistiche che portano conforto ad Allegri: la sua filosofia resta intaccata, con più attenzione in fase difensiva e il rientro di qualche lungodegente doc (Pato su tutti), il Milan è il favorito per la vittoria finale.

Davide Capogrossi – Milanlive.it