Malore Cassano, il parere dell’esperto: Potrebbero bastare due mesi di stop

MALORE CASSANO – Nonostante non ci siano ancora notizie certe circa le condizioni fisiche di Cassano, si cerca di fare chiarezza. La Gazzetta dello Sport ha contattato Marco Bortoluzzi, responsabile della Struttura semplice di Neurochirurgia degli Spedali di Brescia che ha commentato l’ipotesi ictus ischemico: «E’ la conseguenza di un embolo, ovvero di un frammento coagulato di sangue distaccatosi da una parete vascolare che occlude un piccolo vaso arterioso cerebrale. Ne segue un disturbo della funzione del territorio cerebrale vascolarizzato da quel vaso. Come per esempio quello della parola». Per quanto riguarda i tempi di recupero: «Il danno può essere compensato. Le indagini diagnostiche vascolari, cardiologiche ed ematologiche richiedono qualche settimana di tempo. Poi bisognerebbe considerare l’opportunità di una terapia farmacologica. Quindi la sospensione dell’attività per la diagnosi e il trattamento terapeutico non possono che richiedere qualche settimana. Potrebbe tornare in campo nel giro di un paio di mesi».

La redazione di Milanlive.it