Milan, il giovane Verdi pensa in grande: Non mi devo più fermare

MILAN VERDI – Intervista al giovane talento ex Primavera del Milan, Verdi, ora al Torino: “Ora che sono tornato non mi devo più fermare – spiega al quotidiano di casa Tuttosport – Bisogna lavorare tanto, con umiltà, determinazione, applicazione. Non ci si deve mai accontentare, lo spirito dev’essere quello di imparare ogni giorno e da ogni singolo allenamento. Sabato contro il Livorno ho fatto vedere qualcosina, niente di clamoroso, però sono contento perché adesso sono rientrato nel gruppo dopo tanto tempo di anonimato. Non mi sono montato la testa, ho soltanto pagato una serie di acciacchi che mi hanno frenar e quindi condizionato il mio rendimento. Questa per me dev’essere una stagione molto importante. Quello che ho fatto vedere ad Ascoli nella prima giornata non è stato frutto del caso. So cosa posso dare e so anche che non posso farlo una volta ogni tanto. Devo dare continuità alle mie giocate solo così posso sperare di ritagliarmi un angolino tra i protagonisti del Toro. devo ringraziare i miei compagni, non sono entrato subito in partita sabato ho perso ingenuamente due o tre palloni eppure non ho mai ricevuto un rimprovero. Solo incoraggiamenti, stimoli e sostegno. I compagni sono sempre disponibili e pronti ad aiutarti. Ventura è un allenatore che non ha paura di far giocare i giovani per questo devo sfruttare al massimo l’occasione. Con lui tanti giovani in passato sono esplosi“.

Matteo Mauri – Milanlive.it