Milan » Milan News » Cagliari-Milan, Allegri: le dichiarazioni post-partita

Cagliari-Milan, Allegri: le dichiarazioni post-partita

CAGLIARI MILAN – Di seguito le principali dichiarazioni rilasciate dall’allenatore del Milan, Allegri, al termine della vittoria contro il Cagliari.

«Abbiamo messo pressione alla Juventus. Con l’Udinese sarà una bella partita. Ovviamente, mi auguro di essere in vetta anche a Natale. Vedremo: la Juventus potrebbe raggiungerci o scavalcarci e anche l’Udinese. E’ importantissima questa vittoria. Lo scudetto non è una corsa a due, tra noi e la Juventus. Altre squadre sono coinvolte. L’Udinese è lì, sta facendo un gran campionato, come la Lazio. L’Inter sta recuperando posizioni, anche la Roma ha ottenuto alcuni risultati positivi che l’hanno rilanciata, il Napoli è un po’ attardato ma può ancora recuperare. Ecco perché la vittoria di oggi ha una importanza straordinaria: se non avessimo raccolto questi tre punti, qualcuno dei nostri concorrenti diretti avrebbe potuto recuperare terreno in classifica».

«Mi attendevo dai ragazzi una partita come quella che hanno fatto. Sapevamo che la partita non era semplice, poi tutto diventa complicato quando giochi sotto la pioggia e con un vento così forte. Nel primo tempo, poi, il Cagliari ci ha messo nelle condizioni di non giocare come avremmo voluto tanto è vero che spesso abbiamo passato il pallone all’indietro, al portiere. Poi, nella ripresa, abbiamo giocato meglio e abbiamo legittimato la vittoria. Purtroppo tendiamo un po’ a gigioneggiare con la conseguenza che finiamo per complicarci un po’ la vita. Ce la siamo complicata, in alcune occasioni, anche nella ripresa».

«E’ evidente che prima di dirle a voi certe cose le dice a me. Ci è capitato di giocare con tre attaccanti poi le condizioni oggettive mi hanno portato a optare per Boateng dietro le due punte. Per quanto mi riguarda, le scelte io le faccio solo nell’interesse del Milan ma questo non significa che non ascolti i consigli del presidente. Anzi mi fa piacere parlare con lui di queste cose perché il confronto è utile».

La redazione di Milanlive.it