Milan » Milan News » Boateng 3: Io mediano? Meno male che Berlusconi non allena! Pato è il peggior ballerino, mi manca Cassano

Boateng 3: Io mediano? Meno male che Berlusconi non allena! Pato è il peggior ballerino, mi manca Cassano

MILAN INTERVISTA BOATENG – Terza ed ultima parte riguardante una bella e lunga intervista di Kevin Prince Boateng a La Gazzetta dello Sport. Si parla di Berlusconi e dell’idea di vedere il ghanese in mediana, nonchè del futuro di Pato e di Cassano.

Berlusconi ha detto che la vorrebbe in mediana, con Robinho trequartista. Lei che cosa ne pensa?
«Sono contento che non faccia l’allenatore. Io ora sono un trequartista. E’ bello che il presidente si interessi alla squadra, ma per fortuna ha cose più importanti cui pensare…».

Il patron ha detto anche che rivorrebbe Kakà.
«Non sarebbe un problema. Troverebbe una situazione diversa rispetto a quando è andato via: ora il trequartista sono io, deve giocarsela con me».

Lei è uno che fa fatica a mettere radici. Ora che ha una fidanzata qui potrebbe fermarsi a lungo al Milan e a Milano?
«Mi trovo molto bene, mi piace la città e ho una storia importante. Vorrei fermarmi a lungo, però nel calcio come nell’amore ci sono alti e bassi, meglio vivere alla giornata. Ora per esempio sono innamorato però mi manca mio figlio».

Allegri ha detto che quest’anno per lei sarà più difficile perché deve confermarsi.
«Ha ragione, però ho già fatto sei gol, più dell’anno scorso, e sono stato anche sfortunato. Con la Juve ho fatto una cosa stupida e mi sono fatto cacciare. Anch’io voglio fare meglio».

Lei ha conquistato tutti con il Moonwalk, cosa ne pensa di Pato ballerino?
«Terribile. E’ l’unico brasiliano che non ha ritmo. Avete visto il video di Al Jazeera? E’ sempre fuori tempo. Balla e canta malissimo, meno male che gioca a calcio altrimenti non so che cosa avrebbe fatto nella vita».

Le manca Cassano?
«Molto. Faceva scherzi ogni giorno e parlava sempre. Però mi piace perché agisce con il cuore. Ho avuto molta paura per lui, eravamo seduti vicini in aereo. Quando ho saputo che era in ospedale non ci volevo credere».

Matteo Mauri – Milanlive.it