Milan » editoriali » Milan: altri errori.. non solo arbitrali. Il Faraone deve giocare titolare

Milan: altri errori.. non solo arbitrali. Il Faraone deve giocare titolare

MILAN, GLI ERRORI IMPERVERSANO – La sfida contro il Catania ha lasciato nuovo amaro in bocca al mondo-Milan, il gol “fantasma” di Robinho ha davvero modificato l’andamento di una partita che i rossoneri avrebbero dovuto vincere nonostante la squadra di Montella si sia dimostrata assolutamente competitiva e combattiva. “Ogni volta che scendiamo in campo e la sfida sembra essere più equilibrata rispetto al solito incorriamo in decisioni arbitrali sfavorevoli. Il gol di Muntari nella sfida contro la Juventus valeva il Campionato e, anche questa volta, siamo stati penalizzati. Non era facile da vedere ma il tiro di Robinho era gol” con queste parole Massimiliano Allegri commenta, nel post partita, la dubbia decisione arbitrale che non assegna il gol del raddoppio al Milan. In ogni caso la formazione rossonera ha fatto fatica fin dall’inizio, li abbiamo visti in campo particolarmente stanchi e meno reattivi rispetto al solito oltretutto la decisione di schierare titolare Robinho, sebbene si sia parzialmente redento con il primo gol e la rete fantasma, non è stata delle migliori, infatti, con l’inserimento di El Shaarawy, i ragazzi hanno trovato brio e decisione ma 18 minuti non sono stati sufficienti per vincere la sfida. Il Faraone deve giocare titolare, la sua aggressività, la velocità e la resistenza unite a una personalità da campione sono esattamente le caratteristiche di cui ha bisogno il Milan per aumentare la propria forza. Non basta l’esperienza della vecchia guardia, serve freschezza e lui, con i suoi 19 anni, ne ha da vendere basterebbe che il Mister si fidasse di lui un pochino di più esattamente come sembra fare lo stesso Ibrahimovic che, a quanto possiamo ricordare, non sembrava trovare il giusto appoggio nel piccolo n°92.

Guardarsi alle spalle ormai è inutile, bisogna rimanere concentrati e girare pagina. Ora Allegri dovrà preparare accuratamente il ritorno di Champions League contro il Barcellona e, sebbene un 1-1 basterebbe per passare il turno, sarà necessario portare al Camp Nou tutta la grinta, la mentalità e la tecnica possibile perché i blaugrana non concedono spazi e soprattutto non sbagliano.

 

Arianna Forni, Direttore – www.milanlive.it