MILAN EMANUELSON DOLCE&GABBANA / Intervistato dal duo di stilisti Dolce&Gabbana, il centrocampista del Milan Urby Emanuelson ha toccato numerosi argomenti. Di seguito un’estratto dell’intervista: “Che carriera avrei fatto se non fossi diventato un giocatore? È una domanda che mi viene fatta spesso e, tutt’ora, non so cosa rispondere. Quando ero piccolo, mio padre giocava a calcio e mio fratello anche e fin d’allora il mio obiettivo era quello di diventare un calciatore professionista. Mia madre mi ha reso la persona che sono perché mi ha insegnato a stare al mondo e le devo molto. Non ho mai fatto cose particolarmente pericolose nella mia vita. Quando sei un giocatore di calcio non puoi pensare di fare cose folli perché il tuo corpo è il tuo strumento di lavoro e il Milan, nei contratti, ti pone delle clausole dove ti vietano di intraprendere degli sport che possono essere pericolosi per la tua salute. Facendo determinate discipline corri il rischio d’infortunarti e ci sarebbero dei problemi seri in tal caso. Il mio stile di gioco è una combinazione di tecnica e velocità e credo che per la gente sia bello vedere questo stile. Uso molto Twitter e molti miei colleghi mi prendono in giro per questo (ride). Per me la felicità è andare in giro sempre con il sorriso sulle labbra, fare quello che ti piace ed esser felice”.

Fabio Alberti – www.milanlive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it