Milan » calciomercato milan » Pato, voglia di tornare in campo per il brasiliano: potrebbe tornare per il match contro il Novara

Pato, voglia di tornare in campo per il brasiliano: potrebbe tornare per il match contro il Novara

 

MILAN PATO RIENTRO / Nuovo look capelli corti, ma stessa identica voglia di tornare a giocare a calcio. Alexandre Pato ha passato una stagione terribile, ma non ha mai perso l’entusiasmo. L’attaccante brasiliano, ancora fuori per colpa dell’ennesimo guaio muscolare, ha concesso un’intervista alla tv brasiliana Rede Globo e ha parlato del suo desiderio di tornare presto a segnare per il Milan e per il Brasile. «Sto lavorando intensamente e penso alle Olimpiadi», ha detto, sottolineando il desiderio di disputare i Giochi di Londra con il Brasile. Pato quest’anno è stato molto più assente che presente: in tutta la stagione ha giocato solo 852 minuti, per un totale di 34 partite saltate per infortunio. L’ultima volta che si è fatto male è stato il 2 aprile al Camp Nou: dopo 14 minuti è stato costretto a uscire per una lesione al bicipite femorale della coscia sinistra, il quattordicesimo infortunio in 27 mesi. Pato ha parlato anche di quella sera. «La decisione di giocare a Barcellona è stata presa da tutti, me compreso», ha chiarito. Il brasiliano era appena guarito da un precedente problema muscolare però alla coscia destra e aveva fatto un nuovo consulto da un chiropratico negli Stati Uniti, che l’aveva giudicato completamente guarito e pronto per tornare a giocare. Invece si è fermato di nuovo. Ale però adesso sta lavorando sodo a Milanello, ha voluto con sé un uomo di fiducia, il preparatore brasiliano Marcelo Costa lo stesso che ha seguito il recupero di Thiago Silva e sta facendo il possibile per poter tornare in campo nell’ultima giornata, contro il Novara. «Io vivo per il calcio: è il mio lavoro, la mia vita. Quando posso correre, dare un calcio al pallone, lo faccio sempre con allegria, sorridendo. È proprio questo che voglio fare. Fare tanti gol per aiutare il Milan e la Seleçao».

Fabio Alberti – www.milanlive.it