VOTI E PAGELLE DEI ROSSONERI – Risultato finale: Bologna-Milan 1-3

Bologna (3-5-1-1): Agliardi; Carvalho, Antonsson, Cherubin; Motta, Pazienza, Taider, Guarente, Morleo; Diamanti; Acquafresca.
A disposizione: Stojanovic, Lombardi, Garics, Abero, Radakovic, Sorensen, Pulzetti, Pasquato, Gabbiadini, Gimenez, Gilardino. All.: Pioli.
Squalificati: Perez (1), Portanova (rientra a febbraio).
Indisponibili: Curci, Riverola, Khrin, Marchi.

MILAN (4-3-1-2): Abbiati; De Sciglio, Bonera, Acerbi, Antonini; Montolivo, Ambrosini, Nocerino; Boateng; El Shaarawy, Pazzini.
A disposizione: Amelia, Gabriel, Zapata, Mesbah, Yepes, Constant, Emanuelson, Flamini, Traoré, De Jong, Niang, Bojan. All.: Allegri.
Indisponibili: Abate, Mexes, Robinho, Pato, Strasser, Didac Vilà, Muntari.

Marcatori: Pazzini (R.) 16′; Diamanti (R.) 42′; Pazzini 77′; Pazzini 85′.
Ammoniti: Cherubin, Montolivo, Bonera, Ambrosini, De Jong.
Espulsi: nessuno.

Tagliavento (arbitro) 4: L’anno scorso ha regalato uno scudetto alla Juve, quest’anno comincia a regalare rigori a destra e a manca scordandosi di tirare fuori il cartellino per ogni fallo bolognese. 
Nicoletti (guardalinee) voto: 6
Grilli (guardalinee) voto: 6
Orsato (giudice di porta) voto:  5
Gervasoni (giudice di porta) voto: 5

UOMO PARTITA MILANLIVE: GIAMPAOLO PAZZINI !!

VOTI E PAGELLE FIRMATE DALLA REDAZIONE DI MILANLIVE.IT

– B O L O G N A –

| AGLIARDI voto: 4 | 

| CARVALHO voto: 6 | ANTONSSON voto: 5.5 | MORLEO voto: 6 (Dal 92′ ABERO s.v.) | 

| MOTTA voto: 5 | PAZIENZA voto: 6 (Dall’81’ GABBIADINI 5) | TAIDER voto: 6 | GUARENTE voto: 5.5 | CHERUBIN voto: 6 | 

| DIAMANTI voto: 7 | ACQUAFRESCA voto: 5 (Dal 61′ GILARDINO 5)| 

| ALL. PIOLI voto: 5 | 

– M I L A N –

ABBIATI 6: Nessuna parata degna di nota, spiazzato in occasione del rigore di Diamanti.

DE SCIGLIO 6.5: I paragoni per questo ragazzo si sprecano, adesso sta a lui gestire la grande pressione e le enormi responsabilità. Avrebbe bisogno di un po’ più di iniziativa in fase offensiva, magari provando a saltare l’uomo. Buono in fase difensiva anche se qualche disattenzione non è mancata. Adesso può solo migliorare, la concorrenza con Abate (quando ritornerà a disposizione) potrà dare grandi motivazioni ad entrambi.

ACERBI 7: Grande personalità all’esordio con la maglia rossonera. Il numero 13 sulle spalle aumenta la pressione e le aspettative dei tifosi. Fa molto bene in fase di uscita in possesso palla, sempre ben posizionato durante la fase offensiva avversaria. Buona la prima!

BONERA 6.5: E’ il leader indiscusso della difesa. Ha ridotto al minimo gli errori e da sottolineare il coraggio e la personalità nel consolidare il possesso palla.

ANTONINI 6.5: Tanta corsa e voglia sulla sinistra, stavolta decenti anche i cross in area, peccato nessuno ne abbia approfittato, forse perché non erano tanto abituati. Molto bene in fase difensiva, puntuale nelle chiusure e deciso a scaricare il pallone verso il compagno più libero.

MONTOLIVO 6: L’unica cosa rimasta invariata rispetto all’anno passato sono gli infortuni. Al 38′ è costretto a lasciare il terreno di gioco per un problema al flessore della coscia destra (infortunio da valutare nei prossimi giorni). Dal 41′ DE JONG, voto 6: Esordio stagionale per l’olandese. Si posiziona interno destro di centrocampo, non il ruolo che predilige, soprattutto per chi non ha fatto neppure un torello con i suoi nuovi compagni. Ruolo che comunque interpreta il meglio possibile. Riceve la prima ammonizione italiana segno dell’incompetenza fuori da ogni limite dell’arbitro Tagliavento. Sì Tagliavento proprio lui, quello che non vede i gol ma regala due rigori prima al Milan, poi al Bologna.

AMBROSINI 6: Gioca la sua solita partita, fa poche cose ma sempre utili e senza sbavature. E’ il giocatore che dovrà dare più di tutti a questo Milan; l’unico superstite nella lunga sfilza di addii estivi. L’ammonizione al 28′ gli condiziona tutta la partita e nel valutare la sua prestazione va messo in conto soprattutto questo.

NOCERINO 5: La partita più brutta da quando indossa la maglia rossonera. Sbaglia passaggi banali e commette anche il rigore (inventato dal solito Tagliavento) del pareggio rossazzurro. Nel secondo tempo cala nettamente la sua presenza nella partita, limitandosi a mantenere la posizione senza nessun inserimento in area come ci aveva abituato l’anno passato.

BOATENG 7: E’ il più vivace in campo, soprattutto nei primi 45 minuti. Prova a fare tutto lui: imposta il gioco a centrocampo, il primo a pressare in avanti, conquista un bel po’ di palloni sradicandoli letteralmente dai piedi degli avversari, ed è l’ultimo a mollare in ogni situazione di gioco nonostante abbia subìto oltre 10 falli. Tira da tutte le parti e va spesso vicino la porta, tenta anche un colpo di tacco da calcio d’angolo alto non di molto.

EL SHAARAWY 5-: Inesistente per tutto il tempo che resta in campo. Poche motivazioni, poca voglia che a questo Milan non servono assolutamente. Dal 67′ BOJAN, voto 6: esordio positivo per lo spagnolo che si propone spesso in aiuto dei compagni. La prossima potrebbe essere la partita giusta per esordire dal primo minuto.

PAZZINI 7.5: Triplo “pazzo” all’esordio dal primo minuto con la maglia numero 11. 3 mesi senza giocare non gli hanno fatto dimenticare come si segna. Realizza 3 gol fondamentali per ridare verve a questo “povero” Milan. Primo gol su rigore, guadagnato dallo stesso attaccante caparbio e furbo nel conquistarsi la massima punizione che trasforma perfettamente dagli 11 metri. Al 77esimo minuto abile e reattivo a sfruttare una papera clamorosa del portiere avversario che si lascia sfuggire il pallone dalle mani, altro non può fare Pazzini che mettere in rete il gol del vantaggio. Mette il punto esclamativo alla sua prestazione firmando all’85esimo il terzo gol personale con un colpo di tacco o di suola dopo un tiro (destinato fuori) di Nocerino dal limite dell’area. Meglio non poteva esordire il neo attaccante rossonero che si porta il pallone a casa da far firmare a tutti i suoi compagni che gli hanno permesso di siglare la sua prima tripletta con la maglia della Milano che conta. Dal 90′ NIANG s.v. 

ALL. ALLEGRI 6.5: Coraggioso in certe scelte, da Acerbi all’esordio di De Jong dopo nemmeno un allenamento coi compagni. Non a caso i protagonisti dei cambi sono stati tutti i neo acquisti. Il risultato finale gli dà ragione e con la giusta tranquillità potrà lavorare ancora meglio con una squadra che ha bisogno ancora tanto, nonostante questa vittoria, per lottare con le altre squadre sicuramente più rodate dei rossoneri.

Giacomo Giuffrida – www.Milanlive.it