Milan » Milan News » Calciomercato Milan, Di Gennaro crede in Allegri: ci vuole ancora un po’ di tempo, quando venne esonerato Terim…

Calciomercato Milan, Di Gennaro crede in Allegri: ci vuole ancora un po’ di tempo, quando venne esonerato Terim…

Milan News- Antonio Di Gennaro, assistente di Fatih Terim quando l’imperatore sedeva sulla panchina rossonera, ha rilasciato un’intervista a ilsussidiario.net, nella quale ha parlato di Allegri e della situazione del Milan: “Credo che su Allegri la società sia stata chiara: sia Berlusconi che Galliani hanno ribadito che non rischia il posto. E’ un momento particolare dall’inizio del campionato, e non  parlo solo delle cessioni. Ci sono tanti infortunati importanti, e ho in mente soprattutto Pato che ancora non recupera: se torna in forma, può essere davvero importante per questo Milan. Secondo me ci vuole ancora un po’ di pazienza: c’è anche un livellamento per quanto riguarda il campionato, la Juventus è la favorita ma le altre sono tutte lì. Il Milan ha avuto una partenza ad handicap a livello psicologico. Le cessioni hanno influito molto. Ci sono state partenze importanti, giocatori che hanno dato tanto alla maglia. C’è stato un rinnovamento, si è ripartiti mettendosi in discussione: sicuramente bisogna migliorare sul piano del gioco, ma ci vuole ancora tempo. Il Milan non ha una difficoltà specifica, ma generale: è normale che i nuovi, come De Jong davanti alla difesa, deve ancora abituarsi a giocare di fianco ai due interni. Ieri poi mancava Montolivo; ecco, se c’è una cosa che preoccupa sono proprio gli infortuni, perchè si è fatto male anche Bonera che, per come uscito, credo abbia avuto un problema alla coscia di natura muscolare. I pochi gol segnati? Credo sia un problema di carattere generale, se gli attaccanti fanno fatica è perchè la squadra intera non riesce a supportarli. Mi rivedo in questa situazione di difficoltà: con Terim avevamo una squadra che non era strutturata per vincere, poi successero anche cose poco tecniche che nel calcio capitano sempre. Ancelotti comunque arrivò quarto, ovvero nella posizione in cui noi lasciammo. Quella squadra non era costruita per i grandi traguardi. Ad Allegri ora serve solo vincere. Il bel gioco conta poco”.

Elmar Bergonzini-www.Milanlive.it