Milan » Milan News » Milan-Cagliari 2-0, Galliani: dobbiamo migliorare il gioco, ma contava vincere. El Shaarawy? Somiglia a…

Milan-Cagliari 2-0, Galliani: dobbiamo migliorare il gioco, ma contava vincere. El Shaarawy? Somiglia a…

MILAN CAGLIARI GALLIANI EL SHAARAWY – Adriano Galliani, Amministratore Delegato rossonero, è stato intervistato nel post-partita di Milan-Cagliari dai microfoni diMilan Channel: “Finalmente abbiamo fatto gol e preso i tre punti. Dobbiamo migliorare sul piano del gioco, contavano solo i tre punti: e sono arrivati. Meglio il primo tempo del secondo. Per come vedo io le cose mi è sembrato che De Jong e Ambrosini dessero una buona copertura, aldilà del Cagliari che fosse con un uomo in meno. 4-2-fantasia? Io non faccio l’allenatore. E’ bello che ciascuno di noi voglia fare il commissario tecnico. A me piaceva il modulo di Capello: bello e pragmatico. Ma anche quello del mio fratello Leonardo. Il 4-2-fantasia mi ricorda anche quello di Capello. C’era Boban che giocava a sinistra, Savicevic a destra“.

Il dirigente rossonero ha commentato anche la prestazione di El-Shaarawy: “E’ un ’92, un ragazzo di 20 anni. Stasera giocavano due ’92: De Sciglio ed El-Shaarawy. Tutti invochiamo i giovani, poi appena perdi ti massacrano. Il Faraone è costato molti soldi, pensiamo possa diventare un giocatore importante. A me piace molto: si dà da fare e recupera molto. Mi piacciono molto i giocatori che sono attaccanti e vanno a fare i difensori. A me piaceva Eto’o, un po’ in questo gli assomiglia. Lui è un attaccante esterno che sa fare il difensore. Ricordo Eto’o a Barcellona, nella semifinale con noi marcò Cafù. A Pazzini non arrivano palloni giocabili, dobbiamo trovare il modulo adatto“.

Adriano Galliani ci ha tenuto anche a ringraziare la Curva Sud: “E’ fantastica, lo ha detto anche Barbara Berlusconi che era vicino a me stasera. Si vedeva che qualche giocatore era spaventato, la Curva ha sostenuto tutti. Ringrazio questi ragazzi e faccio loro i complimenti. Dobbiamo capire che ci sono annate e annate. Spero che la vittoria di stasera rassereni l’ambiente e la squadra. Francamente abbiamo perso con squadre che non hanno un organico superiore“.

Qualche battuta anche su Mauro Tassotti: “Qualche volta mi chiama qualche presidente di Serie A e mi chiede di Tassotti. Mauro è qualcosa di più di un secondo allenatore. L’ha voluto la società. E infine: ringrazio ancora la Curva, più della squadra. Ci hanno aiutato molto“.

Matteo Bellan – www.milanlive.it