MILAN – “Van Bommel? Lo sento spesso al telefono. E’ andato via perchè i suoi bambini volevano tornare a casa. Un po’ come fece Staam. Se non avessimo preso Van Bommel difficilmente avremmo vinto lo scudetto. Quall’anno Pirlo non c’era per infortunio, non lo abbiamo mai avuto. A gennaio ebbi l’intuizione di prendere Van Bommel, chiamai Rummenigge perchè sapevo che poteva partire gratis. Prese il comando del centrocampo e credo che abbia messo il suo bel mattoncino sullo scudetto. Allegri? Sappiamo proteggere i nostri allenatori. Abbiamo cambiato meno allenatori di tutti in 27 anni e non è vero che i nuovi allenatori fanno più punti dei vecchi. Il momento delicato fu dopo 8 giornate quando avevamo solo 7 punti. Sul campo eravamo tra gli ultimi e pensate se avessimo cambiato allenatore cosa sarebbe successo. Cambiarlo vorrebbe dire sconfitta per la società e per i giocatori. Bisogna avere pazienza e cultura calcistica, è più facile cambiare che non cambiare. Una grande mano l’ha dato Berlusconi così sono partite le convocazioni. Ibra mi chiamerà? Mi fa molto piacere…”. Così l’ad Galliani ai microfoni di Milan Channel.

La redazione di Milanlive.it