Milan News Mercato-Andrea Rabito ex giocatore di Milan e Sampdoria, è stato intervistato da SampNews24.com, proprio in vista di domenica sera, quando la squadra di Allegri e quella di Rossi si troveranno di fronte tra le mura del Ferraris.

Ormai è passato diverso tempo, ma cosa ti porti dietro di quei sei anni al Milan?

«E’ stata sicuramente una grande esperienza formativa sotto tutti punti di vista, non solo calcistico ma anche umano. Il club di via Turati, prelevandomi all’età di 14 anni, mi ha dato la possibilità di apprendere tanto e di formarmi come calciatore. Ho anche avuto modo di stare a stretto contatto con campioni del calibro di Boban, Leonardo, Weah che sono passati in quegli anni. Non avrei mai pensato di poter entrare in contatto con una realtà del genere né di vivere un’esperienza simile. Inoltre ho potuto apprezzare tutto il contesto di Milanello, un centro sportivo all’avanguardia e una struttura che, dal punto di vista organizzativo, ha rappresentato un esempio per altre squadre che hanno preso spunto».

Nel 2003 conquistasti la seconda promozione della tua carriera, con la casacca blucerchiata.

«Quella di Genova è stata un’esperienza altrattanto fantastica. Venivo da un’annata al Modena con cui ottenni la promozione in A e, attraverso il Milan che mi aveva ceduto in comproprietà, mi venne data questa chance. Fu l’anno in cui la Samp passò alla famiglia Garrone, che fece fin da subito investimenti importanti per riportare la squadra nel calcio che conta. Costruirono un gruppo molto forte e raggiungemmo il traguardo prefissato, grazie anche al sostegno di una tifoseria fantastica. Ho apprezzato molto il modo di fare tifo a Marassi e ho quel percepito calore che in altre piazze, invece, lascia spazio a malcontenti e malumori. Il tifoso doriano, mai sopra le righe, è un esempio per tutte le altre squadre».

Con Delio Rossi è stato reintegrato in rosa Palombo, fra l’altro tuo ex compagno. Sarà lui il valore aggiunto per il girone di ritorno?

«Può rappresentare sicuramente il valore aggiunto per la seconda parte di stagione. Sono rimasto sorpreso quando è stato messo ai margini, ma si dovrebbe essere all’interno per capire i motivi della sua esclusione. E’ chiaro che dal punto di vista esperienza può dare qualcosa in più. Lui è da tanti anni a Genova e, al di là dell’aspetto economico, ha sposato il progetto già anni fa. A gennaio scorso ha avuto l’opportunità di andare via, ma se è ritornato un motivo ci sarà. A mio parere, è un giocatore imprescindibile, al di là dei contratti e dei soldi. Mi ricordo le sue lacrime dopo la retrocessione in B e ciò significa tanto in un mondo in cui certi valori sono stati smarriti».

Domenica arriva il Milan. Dopo aver battuto in campioni d’Italia tutto è possibile?

«E’ una di quelle partite sempre difficile da pronosticare. Nonostante il campionato sia già ripreso da una settimana, la pausa invernale può ancora pesare e può rendere faticosa la ripresa del ritmo; nelle gare di questo periodo dell’anno, l’aspetto fisico è predominante. Ultimamente ho visto un Milan in ripresa e un El Shaarawy che continua a fare la differenza, gli occhi saranno puntati tutti su di lui. Ma la Sampdoria ha tutte le carte in regola per mettere in difficoltà gli avversari. Con l’arrivo di Rossi, qualcosa è cambiato nello spirito della squadra e c’è una vitalità nuova rispetto a prima. Poi i blucerchiati hanno ottenuto un risultato importante a Torino, quindi perché no? La Samp può mettere in difficoltà anche il Milan».

L’ultima domanda su El Shaarawy, con cui hai giocato a Padova. Come si fa a fermarlo?

«Bisogna evitare di concedergli lo spazio per partire in velocità. Togliere tempo e spazio a un giocatore così è fondamentale per provare ad arginarlo. Durante una partita non si può stare attenti per novanta minuti ad un solo giocatore se no si va a rischiare, però non bisogna dargli campo per correre e bisogna farsi puntare, perché possiede caratteristiche tali da poter saltare l’avversario in qualsiasi momento. Stephan ha acquisito quella consapevolezza nei suoi mezzi che diventa veramente difficile da marcare. Sta vivendo uno stato di grazia e trasforma in oro tutto ciò che tocca».

Elmar Bergonzini-www.Milanlive.it