MILAN BERLUSCONI – Il 20 aprile 2011 Barbara Berlusconi ha fatto il suo ingresso nel Consiglio di amministrazione del Milan come consigliere. Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan, dichiarava: “L’ingresso di Barbara Berlusconi significa un rinnovato impegno della famiglia Berlusconi, impegno che non è mai mancato. Il presidente Berlusconi non può occuparsi della Societá, perchè c’è una legge che glielo impedisce, ma la famiglia è sempre più presente nella Societá, oltre che con il fratello Paolo, oggi con la figlia Barbara“.

Un anno dopo Lady B è stato nominata dallo stesso Cda “responsabile dell’ufficio progetti speciali“, ruolo che avrebbe la funzione di esplorare nuove frontiere per incrementare il business societario. Dunque lo sviluppo commerciale del Milan.
Ma di fatto Barbara Berlusconi nel Milan non ha praticamente fatto nulla di concreto ad oggi. Si è segnalata solo per la sua storia con Alexandre Pato ed è scomparsa dopo la cessione del brasiliano al Corinthians.
Non sappiamo quando la rivederemo a San Siro seduta affianco a Galliani e/o al padre Silvio. Sappiamo però che ad oggi non si è ancora capito il vero motivo dell’ingresso di Barbara nel Milan. Secondo alcune voci è stata la sorellastra Marina a spingerla verso il club rossonero per non averla tra i piedi nella Mondadori, azienda di famiglia nella quale la figlia di Veronica Lario voleva intraprendere la propria carriera.