MILAN-BARCELLONA CHAMPIONS LEAGUE / “La filosofia di gioco del Barcellona è basata su un possesso palla non sterile: aggrediscono gli avversari nella loro metà campo. Li inducono a difendere sempre più indietro, così guadagnano metri. Pian, piano gli avversari sono costretti a retrocedere e quando i blaugrana sono vicini all’area  con le punte che hanno non faticano ad entrare“. A parlare del Barcellona, l’ex Alberti, che nel 2005 ha vestito per 6 mesi i colori del club catalano: “Il Milan non deve tornare troppo indietro. In fase di possesso deve rischiare di andare qualche volta l’uno contro uno. Gli attaccanti non possono fare i difensori, se Boateng o Pazzini sono a 40 metri della porta non possono fare male“. Questo senza dimenticare che: “Il calcio è lo sport di squadra dove più spesso avviene il ribaltamento dei pronostici“.

Fabio Alberti – www.milanlive.it