Milan » editoriali » Editoriale: Milan a Barcellona per un’impresa storica, come quella del 1994…

Editoriale: Milan a Barcellona per un’impresa storica, come quella del 1994…

EDITORIALE MILAN BARCELLONA – La storia dice che il Milan è il club più titolato al mondo e dunque non ci si dovrebbe stupire se riuscisse ad eliminare il Barcellona dalla Champions League, se non fosse che l’organico rossonero è stato in estate smantellato ed in seguito ricostruito con giocatori per lo più giovani. Senza scordare che la squadra catalana è la più forte internazionalmente da un pò di anni.
Parliamoci chiaro, eliminare il Barcellona per questo Milan sarebbe un’impresa che andrebbe necessariamente inserita nella gloriosa storia del club di via Turati.
La vittoria dell’andata è stata inaspettata per molti, ma per essere ricordata come merita deve essere accompagnata da una qualificazione ai quarti di finale della massima competizione europea. Tradotto: bisogna eliminare il Barcellona al Camp Nou.

La partita di domani sera sarà molto difficile ed è scontato dirlo. Gli spagnoli stanno cercando in tutti i modi di spaventare la squadra rossonera e di demoralizzarla attraverso un massiccio utilizzo dei media. Tra giocatori blaugrana che annunciano la vittoria certa del Barcellona e quotidiani che preparano già la trionfante copertina del giorno dopo.
In Spagna stanno dimostrando molta arroganza e poco rispetto dell’avversario. Non stanno certo brillando per stile in questo periodo. Un passaggio del turno da parte del Milan assumerebbe dunque una doppia importanza: avanzare in Champions League e zittire chi finora ha straparlato.

Un’impresa abbiamo detto. Proprio come nel 1994 quando tutti davano per spacciato il Milan e i catalani si sentivano già assegnato il trofeo della Champions, salvo poi ritrovarsi a subire 4 goal nella finale di Atene e a tornare a casa a testa bassa umiliati.
Passare un ottavo di finale non è vincere la coppa, ma il sapore dell’impresa ci sarebbe comunque per i motivi che abbiamo citato.
I ragazzi di Allegri devono scendere in campo con lo spirito della partita di San Siro e con quello dei ragazzi di Capello nel 1994.

Matteo Bellan – www.milanlive.it