BARCELLONA-MILAN IELPO / Mario Ielpo, ex portiere rossonero ed ora opinionista TV è intervenuto nel corso della trasmissione Tribuna Stampa in onda su Radio Manà Manà per commentare la sconfitta rossonera contro il Barcellona: “Una partita letta male, Niang stava dieci metri all’interno del centrocampo rossonero, avrebbe dovuto tenere più sotto pressione la difesa del Barcellona. I giocatori non erano pronti, Abate, per esempio, ha iniziato in maniera molto timorosa, è come se non ci fosse mai stata una gara d’andata“. L’ex portiere crede sia stata un’occasione gettata al vento: “Difficile dire se il Barcellona è più o meno forte di prima. Sono d’accordo che era la vera occasione per batterla. I problemi del Milan sono dietro, hanno perso una grandissima occasione. Constant ha dimostrato di poter giocare in quel ruolo, molto più adatto di De Sciglio. Il problema è al centro, i due difensori sono troppo macchinosi. Messi gioca ad una velocità fuori dal comune, impossibile per il Milan reggere l’urto: non ci sono di certo riusciti, all’andata tutto è andato per il meglio“. Un Milan diverso tra Coppa e Campionato: “La differenza c’è. Bisogna tener conto che ai rossoneri mancava un centravanti come Pazzini. Robinho poteva giocare, io lo avrei rischiato“. Su un’eventuale gara Juventus e Barcellona: “Nessuno vuole incontrare gli spagnoli ma sono convinto che la Juve possa farcela, è molto quadrata. Conte ha costruito una grande squadra. Certo, esiste qualcosa di meglio da pescare“.

Fabio Alberti – www.milanlive.it