MUNTARI – “A Verona potevamo solo vincere per ricordare Claudio. Sono arrivato qui da poco, ma Claudio era una persona tranquilla sempre sorridente. Ogni volta quando esco penso di incontrarlo ancora, è stato uno shock. Fa parte della vita, noi dobbiamo andare avanti così e fare bene per ricordarlo. A Firenze con l’Udinese ho fatto il primo gol, spero di farne un altro ma se anche non lo faccio io, l’importante è che lo facciano i miei compagni perché sarà una partita dura ma noi vogliamo portare a casa tre punti. Non saranno facili le prossime partite ma noi abbiamo i piedi per terra, come li avevamo all’inizio durante le difficoltà per fare bene e per andare avanti ora e centrare l’obiettivo che abbiamo in mente. Andiamo a Firenze per vincere poi arrivano Napoli e Juventus. La Fiorentina in mezzo al campo è forte non è che senza Jovetic sono meno forti, sono fortissimi comunque. Serve una bella partita. Credo che il lavoro di gruppo sia tutto, la sicurezza e la tranquillità che il Mister e lo staff ci hanno dato e la difesa che abbiamo ci dà sicurezza. Io avevo fiducia nei miei compagni anche nei momenti di difficoltà, ora anche la gente con i risultati vede come sono, ma non è finita qua, abbiamo tante cose da fare quindi piedi per terra e correre”. Così Muntari ai microfoni di Milan Channel.

La redazione di Milanlive.it