Milan » calciomercato milan » Calciomercato Milan, Filkor: Spero di tornare al Milan, è il mio sogno, ma ora penso alla Pro Vercelli

Calciomercato Milan, Filkor: Spero di tornare al Milan, è il mio sogno, ma ora penso alla Pro Vercelli

CALCIOMERCATO MILAN FILKOR PRO VERCELLI / Nazionale ungherese, sbarcato in Italia con la maglia dell’Inter, Attila Filkor ha cercato a lungo la sua dimensione. I prestiti a Grosseto, Sassuolo e Gallipoli prima, il passaggio a titolo definitivo al Milan poi ed altri passaggi, a titolo temporaneo, a Triestina, Livorno, Bari e adesso Pro Vercelli. “Siamo reduci da una bella vittoria -spiega il centrocampista classe 1988 a Tuttomercatoweb.com-, siamo contenti perché con il Varese non era facile. Io sono rientrato da poco, anche a Bari sono arrivato in estate e mi sono fatto male subito. Per me è un anno sfortunato”.La sua ex squadra, i Galletti, non vivono un momento facile. “Non me lo aspettavo, ma così è il calcio. Intanto sono alla Pro Vercelli ed anche noi cerchiamo di fare il meglio. Abbiamo subito alcuni torti arbitrali ma dobbiamo andare avanti, credere ai play out sino alla fine in queste cinque difficili partite“. Sogni per il futuro. Tornare al Milan? “E’ difficile, ma spero di andare avanti in carriera cercando di vestire quella maglia almeno una volta. E’ il grande sogno, sicuramente”. Nel passato, però, sia Inter che Milan. “Quando i nerazzurri presero Mancini, io sono passato al Milan. L’Inter mi ha accolto benissimo in Italia, è stato il mio primo club e nel settore giovanile mi sono trovato benissimo“. Tra l’altro, ha avuto tra i suoi compagni anche Mario Balotelli. “Ho sempre intravisto in lui grandi qualità ed il Milan ha fatto davvero un grande colpo“. L’Inter, però, non se la passa benissimo… “Nel calcio ci sono momenti negativi e positivi, uscirà a testa alta però: ne sono certo“. Parliamo del suo futuro, a giugno. “Sono a Vercelli in prestito secco: a giugno torno al Milan ma ora penso solo a questa maglia, a cercare di portare la Pro ai play-out e ci proverò con tutto me stesso“.

Fabio Alberti – www.milanlive.it