Milan » Milan News » Milan-Torino, Beruatto è sicuro: i granata se la giocheranno fino in fondo

Milan-Torino, Beruatto è sicuro: i granata se la giocheranno fino in fondo

Milan News Torino Serie A-Vi riportiamo l’intervista di Paolo Beruatto, ex giocatore del Torino, ai microfoni di Torinogranata.it:

Domenica il Torino affronterà il Milan che ha attaccanti di primo livello come Balotelli, El Shaarawy e Pazzini, quindi c’è il rischio che si trovi di nuovo nella difficoltà e che rischi di subire più di un gol...
“Eh, il Milan è al terzo posto e basta pensare che anche domenica scorsa nel giro di pochi minuti gli attaccanti, con la loro qualità, hanno ribaltato il risultato; Pazzini gioca poco ma ha una media gol impressionante e quando è entrato con il Catania ha cambiato la partita. Purtroppo domenica il Torino ha un match sulla carta difficile, ma credo che debba partire dalla prestazione con la Juventus, dove non ha sfigurato e anzi ha fatto un’ottima partita ed è stato vicino a riuscire a ottenere quello che sarebbe stato un pareggio importantissimo, quindi penso che possa giocarsi tranquillamente la gara con i rossoneri. E’ chiaro che il risultato pesa soprattutto adesso che si disputano le ultime partite, però il Torino ha dimostrato sul campo di giocarsela con qualsiasi avversario, quindi sarà così anche con il Milan”.

I forti attaccanti del Milan si contrastano meglio con una marcatura a uomo o facendo attenzione alla fase d’interdizione?
“Ai miei tempi si marcava a uomo, adesso invece si lavora a zona e il Toro è una squadra che agisce così, però all’interno della zona c’è la marcatura dedicata. Gli attaccanti del Milan devono essere presi con le molle, ma mister Ventura sa bene, avendoli affrontati più volte, quali sono i migliori accorgimenti da adottare, quindi in certi momenti della gara saranno marcati a zona e in altri a uomo. Giocatori come gli attaccanti del Milan sono quelli che esaltano chi li affronta e sicuramente i difensori del Toro daranno il centodieci per cento, proprio perché è la caratura dell’avversario che li caricherà”.