Milan » Milan News » Allegri: Fra 10 gg saprete il mio futuro, Mario deve stare sereno, ho praticamente già scelto l’11 titolare, ho dei dubbi solo in attacco

Allegri: Fra 10 gg saprete il mio futuro, Mario deve stare sereno, ho praticamente già scelto l’11 titolare, ho dei dubbi solo in attacco



PESCARA MILAN – Di seguito le principali dichiarazioni di Allegri prima della sfida contro il Pescara.

GARA CONTRO IL PESCARA“Non dobbiamo sottovalutare il Pescara che a Roma ha giocato una buona partita nel primo tempo così come con il Genoa. Non sottovalutiamo o commentiamo un errore imperdonabile. In questo momento le partite sono facili da preparare perchè abbiamo forti motivazioni e la gara di domani dovrà dare conferma che questa è una squadra che è cresciuta soprattutto sotto l’aspetto mentale. A questo punto conta solo vincere e domenica giocando male abbiamo vinto. Sono queste le partite che fanno la differenza fra i primi e gli altri. Non dobbiamo avere fretta, essere nervosi, ma dobbiamo essere consapevoli che la gara di domani sarà difficile e non pensare di avere già vinto prima di iniziare”.

GARA CONTRO IL TORINO“E’ stato bravo Ventura, abbiamo trovato delle difficoltà, i Granata ha tenuto bene il campo. Nei 90 minuti abbiamo giocato male e concesso due palle gol chiare agli avversari. Andare sotto sarebbe stato molto complicato”.

DIFESA “Siamo una squadra offensiva, che andiamo in campo per vincere, e di conseguenza è più facile prendere gol in difesa. Sicuramente c’è stato un periodo che avevamo una grande solidità difensiva. Domenica comunque non abbiamo preso gol e speriamo di continuare su questo trend. Dobbiamo cercare di avere un po’ più di equilibrio”.

FORMAZIONE “A metà campo Nocerino, Muntari e Flamini, De Sciglio sarà a disposizione ma andrà in panca, Abate e Constant dal primo minuto, mentre Antonini si è rotto il naso. Balotelli ci sarà mentre fra Niang, Robinho ed El Shaarawy ne sceglierò due. Pazzini partirà invece dalla panchina. Ambro è a disposizione ma non è ancora pronto. Potrebbe entrare in corso o se no giocherà domenica. Non guardo ai diffidati per la sfida di Roma, l’importante è giocare domani poi vedremo”.

FUTURO “Del mio parere non ne parlo perchè diventerebbe un tormentone e noi siamo solo concentrati sul terzo posto. Inoltre verrebbero coinvolte altre squadre per le quali non è rispettoso. Ne riparleremo solo a fine stagione. Fra 10 giorni saprete se rimarrò qui o se mi manderanno via. Mi hanno fatto molto piacere gli apprezzamenti dei tifosi e dei calciatori anche se io non sono uno che esterna pubblicamente la propria gioia in maniera clamorosa”.

EL SHAARAWY, BOATENG E BALOTELLI“Ha fatto una buona partita anche domenica non dal punto di vista tecnico ma ci ha dato dentro. E’ impensabile che un ragazzo possa giocare 40 partite ad alto livello. Io sono molto contento di lui e alla fine del campionato avrà la possibilità di tornare a segnare e di continuare a fare buone prestazioni. Stephan deve rimanere sereno e tranquillo, questi problemi si risolvano; può capitare a lui come ad altri giocatori. Mario si arrabbia molto ma deve rimanere sereno perchè deve gestire i momenti difficoltà. Lui sa quando e dove sbaglio. Il Boa ha fatto una buona stagione, ti da fisicità, intensità e sostanza oltre alle qualità tecniche. E’ troppo presto comunque per dare giudizi finali”.

OBIETTIVI “A inizio stagione l’input era quello di lottare per vincere lo scudetto. Le stagioni però non sono tutte uguali, abbiamo avuto difficoltà avendo ricostruito la squadra. Abbiamo fatto una rincorsa importante ma la Juve ha fatto una stagione straordinaria. La vittoria dello scudetto era solo l’input, per mettere a fuoco l’obiettivo più importante. Il terzo posto di quest’anno non è come uno scudetto ma avrà sicuramente un sapore particolare”.

TIME OUT“E’ una cosa possibile ma devono essere studiati al meglio i tempi per poterli fare”.

ARBITRI “Sulla tecnologia c’è sempre la decisione che spetta all’essere umano e a volte anche attraverso la tecnologia non si riesce a capire dove finisce il pallone. E’ una situazione che va studiata con attenzione e ci sono le persone competenti. Ci sono comunque certi episodi che possono essere evitati”.

La redazione di Milanlive.it