Milan » Milan News » Milan, senza i titolari difesa colabrodo. Servono interventi sul mercato

Milan, senza i titolari difesa colabrodo. Servono interventi sul mercato

MILAN MERCATO – E’ inaccettabile che una squadra come il Milan prenda 5 goal dopo 36 minuti di gioco. Certo, in campo c’era una formazione composta da molte riserve ma non può essere una giustificazione. Anzi, quanto accaduto deve far riflettere sulla qualità di alcuni elementi presenti nell’organico della squadra rossonera.
La difesa ha fatto acqua da tutte le parti con Antonini, Zaccardo e Constant tra i peggiori in campo. Vergara nella ripresa è salito di tono e comunque è molto giovane e questo era il suo esordio con la maglia del Milan. Un conto è esordire con affianco Costacurta, Nesta e Maldini, altro conto è farlo con i compagni prima citati.
Mentre Constant è un giocatore che nella rosa di Massimiliano Allegri ci può stare, gli altri due sono palesemente non da Milan. Nessuno mette in dubbio il loro impegno e la loro professionalità, ma sul campo i tifosi erano abituati a vedere qualcosa di meglio. Non per forza dei Baresi, ma neanche difensori di questa mediocrità.

Il Milan ha bisogno che tornino al più presto Mexes e Zapata, ma ambedue devono dimostrare di essere affidabili nell’arco di tutta la stagione e non solo di una parte di essa. C’è poi l’ultimo arrivo Silvestre che dovrà riscattarsi dopo una pessima annata all’Inter.
La sensazione è che il Milan necessiterebbe di almeno un centrale e di un terzino sinistro, difficile però che la società investa in questi ruoli. Bisognerebbe rendersi conto che se i titolari vengono a mancare si rischia di dover schierare una formazione non all’altezza degli obiettivi che si sono fissati.

Postilla finale su Bakaye Traorè, centrocampista che di partita in partita si dimostra del tutto inadeguato per un club che si fregia di essere il più titolato del mondo.
Sono molti coloro che vorrebbero chiedere di persona ad Adriano spiegazioni in merito all’acquisto di questo mediocre centrocampista francese che nessuna società vuole stipendiare con 1.2 milioni netti di euro, cosa che invece ha fatto il Milan.

Matteo Bellan – www.milanlive.it