CALCIOMERCATO MILAN – Il ritorno di Kakà potrebbe veramente concretizzarsi nelle prossime ore. Un’operazione controversa che non spacca in due precisamente la tifoseria del Milan ma che lascia comunque molto tifosi perplessi. La redazione di Milanlive.it ha cercato di ipotizzare quali sarebbero i buoni motivi per riportare a casa il “Figliol Prodigo” e quali invece le motivazioni negative che spingono a lasciare a Madrid il brasiliano.

PERCHE’ SI’ – Indubbiamente Kakà darebbe un apporto fondamentale a tutto l’ambiente, non soltanto a livello di esperienza e tecnico, quanto soprattutto di entusiasmo. Il Milan 2013-2014 è una squadra molto giovane, “vergine” dal punto di vista dei trofei ottenuti e sicuramente una carica di ottimismo, unita a tanto carisma ed esperienza, non farebbe che bene. Altro fattore importante, sarebbe la possibilità per Allegri di volgere finalmente al 4-3-1-2, modulo che fino ad oggi il Conte Max non ha potuto attuare per via dei continui acciacchi di Saponara.

PERCHE’ NO – L’operazione Kakà risulterebbe troppo onerosa dal punto di vista economico se le cifre ventilate nelle ultime ore, 5 milioni di euro netti annui, sarebbero confermate. Inoltre, ci sono seri dubbi sulla tenuta fisica dello stesso brasiliano, che dovrebbe nel contempo combattere con il suo alterego, quel Kakà pre-2009 che ha fatto letteralmente faville.

La redazione di Milanlive.it