Milan » Milan News » Nesta: “Ora allenerò, magari il Milan, Kakà può tornare come un tempo, a Maldini bastava uno sguardo…”

Nesta: “Ora allenerò, magari il Milan, Kakà può tornare come un tempo, a Maldini bastava uno sguardo…”

nesta

NESTA MILAN – Eccovi l’intervista a La Gazzetta dello Sport di Alessandro Nesta, prossimo ad appendere le scarpe al chiodo.

Nesta, quando ha deciso di pensionarsi?
«A metà di questa stagione. Credevo che la vita qui fosse meno stancante, ma è un continuo viaggiare. Spesso si gioca sul sintetico e coi miei guai fisici non è facile».

Una stagione e mezzo nella Mls: che cosa c’è da imparare e da insegnare?
«È incredibile il modo in cui sanno vendere il prodotto, ancora di qualità inferiore a quello europeo. Nel marketing sono bravi. Abbiamo giocato in stadi pieni. A Seattle c’erano 60 mila persone e in Italia quelle cifre sono fantascienza o quasi. Sull’aspetto tattico e tecnico devono crescere».

Suggerimenti?
«Devono importare più allenatori dal Vecchio Continente e giocatori. Qui i ragazzi nelle scuole praticano due o tre sport prima di scegliere la strada definitiva. Cominciare seriamente con il soccer a 16 anni è tardi».

Verrà lei a dare una mano, anche se un anno fa ci disse di voler allenare solo ad alto livello?
«Ci proverò. Prima, però, mi devo preparare. Ho fatto due corsi, mi manca il terzo che dura un anno. La famiglia resterà a Miami, perché non vorrei staccarmi dagli Usa. Mentre io farò la spola. Poi vediamo cosa succede. Mi piacerebbe allenare ad alto livello. Però può darsi che debba iniziare dal settore giovanile. Chissà, magari al Milan, ma non escludo di rimanere negli Stati Uniti».

Perché l’allenatore?
«Perché ho fatto calcio fin da piccolo e sarebbe difficile staccarsi da questo mondo. È la cosa più vicina a giocare».

Da tifoso rossonero cosa si aspetta da questa stagione?
«Di arrivare in Champions e di fare una buona figura in Coppa. Purtroppo ogni anno si parte male, anche nell’ultimo in cui c’ero io. Ora rincorrere è più difficile: davanti vanno bene e molte rivali si sono rinforzate. La mia impressione è che ogni volta si ricominci da zero invece di costruire su quanto fatto in precedenza. Un errore, forse».

Com’è possibile che uno come Kakà faccia la riserva per quattro anni?
«Perché quando vai in una squadra come il Real la concorrenza è altissima. Poi ha avuto problemi fisici e non so se ci siano state altre cose. Per come l’ho visto martedì, se ritrova la condizione può tornare quello di una volta».

L’altro giorno ha detto che se Balotelli vuole stare al Milan deve rispettare le regole.
«Non l’ho detto e neppure che gli vengano perdonati certi comportamenti. Non lo conosco e non esprimo giudizi. Mi hanno solo chiesto di spiegare com’era il Milan quando ci giocavo. Così ho raccontato che quando arrivai c’erano Costacurta e Maldini che davano l’esempio. Nessuno osava andare fuori dalle righe. Loro senza bisogno di urlare, ma con uno sguardo, ti rimettevano a posto. Non giudico lo spogliatoio del Milan di oggi perché dei miei vecchi compagni non c’è più nessuno».

Chi vince il Mondiale?
«Il Brasile. Gioca in casa e ha tanto talento. Sarà dura per le altre. L’Italia sarà competitiva. Ha ottimi calciatori e Prandelli è bravissimo».

La redazione di Milanlive.it