Milan » Milan News » Milan, Allegri: “Sono soddisfatto, abbiamo tenuto testa al Barça. Ci mancava El Shaarawy…”

Milan, Allegri: “Sono soddisfatto, abbiamo tenuto testa al Barça. Ci mancava El Shaarawy…”

PSV Eindhoven v AC Milan - UEFA Champions League Play-offs: First Leg
Massimiliano Allegri, allenatore del Milan, è intervenuto ai microfoni di Premium Calcio per commentare la partita disputata contro il Barcellona: “Balotelli non aveva giocato benissimo le ultime partite e veniva da un periodo dove aveva avuto l’infortunio in Nazionale e non aveva giocato tantissimo. Ho preferito partire con la coppia Binho-Kakà e tenere Mario in panchina. Sono soddisfatto della prestazione della squadra. Sullo 0-0 abbiamo sbagliato molte palle in uscita, poi abbiamo fatto meglio nel secondo tempo. I ragazzi sono stati bravi, abbiamo concesso poco e anche nel secondo tempo abbiamo rischiato solo su due occasioni in cui abbiamo sbagliato due palloni in verticale. Per noi era difficile ma faccio i complimenti ai ragazzi per i novanta minuti. L’allenatore è sempre legato ai risultati ma c’è una società che valuta. Abbiamo tenuto testa al Barcellona e siamo rimasti in partita fino a pochi minuti dalla fine. Anche noi abbiamo avuto le nostre occasioni e due tre volte dovevamo fare una scelta migliore di passaggio. Un modulo diverso? Nei 18 che avevo questa sera, nessuno aveva le qualità e le caratteristiche di El Shaarawy. Ho preferito lasciare libero Kakà con una punta vicina, anche perché stasera non potevo chiedergli di fare la stessa partita dell’andata. Ci sono state alcune situazioni in uscita che abbiamo sbagliato e che contro il Barcellona bisogna sfruttare meglio. Tattica rinunciataria? Con il Barcellona devi giocare così, recuperar palla e ripartire. Gli episodi non ci sono favorevoli ma non dobbiamo star qui a piangerci addosso. Balotelli non è un problema. Anche stasera ha fatto cose importanti, sia a livello fisico che tecnico. Quando un giocatore fa delle brutte prestazioni, è normale che possa avare un turno di riposo e andare in panchina. Mario deve migliorare nel contesto della squadra. È giovane e per la prima volta gioca titolare ed è importante per una squadra. Ora dobbiamo solo pensare a fare risultati. Tutti giocano in modo attendista contro il Barcellona, non solo noi. Siamo migliorati anche nel possesso palla, dovevamo solo sviluppare meglio alcune situazioni“.