Milan » calciomercato milan » Calciomercato Milan, Quistelli svela: “Ecco chi è Tomasselli, giovane talento dell’Anderlecht”

Calciomercato Milan, Quistelli svela: “Ecco chi è Tomasselli, giovane talento dell’Anderlecht”

AC Cesena v AC Milan - Serie A
MILAN ANDERLECHT CALCIOMERCATO TOMASELLI- L’agente Fifa Umberto Quistelli, intervitato da ilsussidiario.net, ha parlato del giovane talento dell’Anderlecht Pietro Tomaselli:

Ci racconti di questo ragazzino, Pietro Tomaselli.

La sua famiglia è italiana, sono originari di Trapani e volati in Belgio per il lavoro del padre, ma sono italiani e vorrebbero tornare in Italia. Pietro è un ragazzino predestinato.

In che senso?

Non ho mai visto nessuno a quell’età fare cose che fa Pietro. Un fenomeno palla al piede, un numero dieci di un’altra categoria che infatti è piaciuto molto Zinedine Zidane.

E’ stato visionato dal francese?

Sì, perché il Real Madrid ha voluto vedere dal vivo il ragazzo e Zidane è rimasto stregato dal piccolo Pietro. Il Real Madrid ha fatto un’offerta di 15 mila euro al padre del giocatore, con vitto e alloggio solo per il ragazzino. Per questo il padre non ha accettato per il momento.

Ci sono altri grandi club europei?

Sì, il Barcellona si è già mosso e ha fatto un’offerta inferiore però al Real Madrid. E occhio al Manchester United.

E le italiane?

Io ho il mandato del giocatore per l’Italia, ci sono grandi club interessati: Milan e Juventus, ma in particolare i rossoneri vogliono il ragazzo.

Ci sono possibilità di riportarlo in Italia?

Sì, a giugno Tomaselli otterrà lo svincolo dall’Anderlecht visto che è ancora un bambino, il Milan lo vuole vedere all’opera. Pietro è un piccolo tifoso del Milan, quindi potrebbe essere ancora più felice di questa possibilità.

Ma come ha scoperto il ragazzo?

Grazie al mio osservatore di fiducia Gianluca Giorno di Ventimiglia, che tra l’altro mi ha segnalato un altro giovane fenomeno che gioca nella Fiorentina, ovvero Armando Rexphay, ho preso da poco il suo mandato.

Troppo presto per giudicare Tomaselli un giocatore del futuro?

Ovviamente è piccolo e bisogna vedere come si formerà fisicamente. Ma quando un ragazzino è un fenomeno lo si vede subito.