Milan » Milan News » Muntari si confessa: “Razzismo? C’è ancora molto da fare, a Balotelli è difficile dare consigli, ora iniziamo la salita”

Muntari si confessa: “Razzismo? C’è ancora molto da fare, a Balotelli è difficile dare consigli, ora iniziamo la salita”

AC Milan v ACF Fiorentina - Serie A

MILAN MUNTARI – Il centrocampista del Milan Muntari, protagonista di una lunga intervista al Corriere dello Sport. Ecco le sue parole principali: “Razzismo? C’è ancora tanto da fare su questo fronte. Anche se ci sono poche persone che hanno questa mentalità sbagliata. Da noi però non è così, non c’è differenza in Africa fra bianco e nero, abbiamo tutti lo stesso sangue. Arriverà un tempo in cui non parleremo più di questo. E’ difficile dare consigli a Balotelli, perché quando gli dici qualcosa, entra in un orecchio e poi esce dall’altro. Quando siamo in campo gli spiego che deve sempre stare tranquillo. Gli dico: “Quelli che ti insultano sono solo due o tre, se non hanno paura devono avere le “palle” di scendere davanti a te per affrontarti. Riescono a essere così solo da lontano. Bisogna restare sempre tranquilli. Anche se non è giusto che qualcuno ti offenda senza motivo, solo per il colore della pelle. La Champions? Non è un dato positivo che due squadre forti non siano negli ottavi. Non è un buon segnale per il calcio italiano. Noi cercheremo di fare bene. Per vincere la Champions bisogna affrontare tutte quelle forti, mi auguro di riuscire ad andare avanti. Il Manchester United non è in un grande momento e il Milan ha il dovere di fare più strada possibile. Campionato? Battere Roma e Inter ci darebbe molta fiducia, anche se si tratta di due squadre molto forti. Non abbiamo segnato contro l’Ajax, ma abbiamo fatto tutto il possibile per passare il turno. Il Milan anche quest’anno è rimasto vittima di una falsa partenza in campionato ma io sono fiducioso in un’altra rimonta. non siamo un’altra squadra rispetto a quella che si vede in Champions. Dobbiamo solo gestire e correggere gli errori, anche i più piccoli, sulla base dell’esperienza dello scorso anno”.

La redazione di Milanlive.it