Milan » Milan News » Milan, Allegri: “Meglio nel secondo tempo. Bene Zapata e Bonera. Atletico Madrid? Tutto è possibile”

Milan, Allegri: “Meglio nel secondo tempo. Bene Zapata e Bonera. Atletico Madrid? Tutto è possibile”

AC Milan v Celtic - UEFA Champions League

Massimiliano Allegri è intervenuto ai microfoni di Sky Sport al termina di Milan-Roma: “E’ stata ella partita per gli spettatori, un po’ meno per noi.  Nel primo tempo abbiamo fatto fatica nella costruzione del gioco, abbiamo sbagliato molto. Nel secondo tempo abbiamo fatto meglio. Abbiamo rischiato molto, sapevamo della pericolosità della Roma soprattutto in campo aperto. In certe situazioni potevamo evitare degli errori. Credo che il risultato sia buono. Venivamo da una partita con grande dispendio di energie a livello sia mentale che fisico per il passaggio del turno di Champions. Potevamo pagare qualcosa, ma nel secondo tempo la squadra ha avuto una bella reazione. Potevamo fare qualcosa di meglio sull’1-1 e in altre situazioni dove abbiamo fatto errori tecnici. Balotelli meglio con Matri vicino? Con un centravanti è normale che lui si libera dalla marcatura degli avversari. Nel goal di Muntari ha fatto una bella cosa. Ha avuto una bella occasione nel finale e potevamo vincere. Abbiamo rischiato nell’ultima azione della partita. La coppia Zapata-Bonera? Stanno facendo bene, così come Mexes e Zapata hanno fatto bene nel girone di ritorno della passata stagione. A gennaio arriverà Rami, mentre a breve rientreranno Mexes e Silvestre. Numericamente siamo a posto. Honda assieme a Kakà? Se dovessimo trovare il giusto equilibrio, potrebbero giocare tutti insieme con Matri e Balotelli. Non dimentichiamoci di El Shaarawy, che può rappresentare una grande arma a gara in corso. La mia espulsione? Accetto le decisioni dell’arbitro, mi dispiace vivere queste situazioni. Rimonta in campionato? Nella ripresa abbiamo fornito buone trame di gioco, abbiamo avuto tre o quattro occasioni per fare male in zona gol. Atletico Madrid? Abbiamo ottenuto un buon risultato con l’accesso ai ottavi, siamo l’ultima squadra di A in corsa e onoreremo il calcio italiano. A marzo la situazione può essere diversa, può migliorare la nostra condizione e peggiorare quella dell’Atletico. Inoltre, nella doppia sfida, tutto è possibile“.