FBL-ITA-SERIEA-CAGLIARI-AC MILAN

Marco Amelia ha parlato ai microfoni di Radio Deejay dell’obietto qualificazione europea per il Milan: “L’Europa è qualcosa alla quale ogni squadra deve ambire, a prescindere dal fatto che sia Champions League o Europa League. Dovessimo far bene con Catania e Livorno ci ritroveremo Roma e Inter e la speranza è quella di aver rosicchiato qualche punto prima del derby. Dopo l’uscita della Champions c’è stata una fase di contraccolpo: l’obiettivo era passare il turno e invece siamo stati eliminati perdendo pure in maniera pesante. La reazione però c’è stata e da grande squadra, considerato che avevamo avversarie in serie come Lazio e Fiorentina”.

Su El Shaaarwy ha affermato: “E’ in ripresa. Speriamo di rivederlo in pieno col gruppo. A sprazzi si allena con noi. Fa piacere che Prandelli l’abbia convocato nonostante quest’anno abbia giocato poco: vorrà valutarlo visto che fra poco c’è il Mondiale”.

Sulla nuova generazione di portieri si è così espresso: “Preferirei non parlare di Scuffet che deve stare tranquillo e fare quello che sta facendo. Sia Perin che Bardi mi piacciono molto, Leali sta facendo un campionato di B importante e spero di vederlo in A il prossimo anno. Il problema è che molte squadre pescano portieri stranieri quando in B ci sarebbero giovani di valore. Gabriel? E’ un ragazzo per bene, in gamba. Certo, ha bisogno di continuità”.

Infine un commento sul suo futuro: “Io speravo di giocare con continuità: non è successo, pazienza. La Roma? E’ una domanda che fa parte della mia carriera. Ci tornerei, certo. Sono in scadenza, vedremo alla fine della stagione“.

Redazione Milanlive.it