Pancaro non ha dubbi: “I recenti risultati del Milan dipendono dalla difesa”

Pancaro
Pancaro

MILAN PANCARO- Intervistato da MilanNews.it, l’ex rossonero Giuseppe Pancaro, ha analizzato il momento della squadra: “Il Milan è stato molto bravo a riaddrizzare una situazione che, onestamente, solo un mese e mezzo fa sembrava molto critica. Ora la squadra si è ritrovata, sopratutto sotto l’aspetto dei risultati, ed è riuscita a dare una certa continuità, fattore fondamentale per rimontare in campionato. Europa League? In questo preciso momento è tutto aperto, i rossoneri avevano una grande distanza dalle altre formazioni ma hanno recuperato molto bene. Secondo me il Milan se la giocherà davvero fino alla fine, tranquillamente fino all’ultima partita. La ‘lotta’ vera sarà con Inter e Lazio, attenzione a non escludere i biancocelesti. Uno dei motivi che ha reso possibile questa ripresa è indubbiamente la riscoperta della sicurezza arretrata. Il Milan nelle ultime partite, tranne contro il Genoa, si è chiuso bene ed è sempre riuscito a non prendere gol, questo ha dato un contributo fondamentale. Rami, Honda e Taarabt sono decisamente tre acquisti buoni. Prima magari non riuscivano ad esprimersi al meglio perché la squadra non girava perfettamente, dal momento in cui complessivamente i diavoli hanno svoltato, anche loro tre sono sensibilmente migliorati e stanno mostrando tutte le loro qualità. Seedorf? Clarence lo vedo molto bene, è un ragazzo che ha una grandissima personalità ed una esperienza da calciatore incredibile, ha vinto tanto, ha vinto tutto il possibile. Questi sono due fattori per fare carriera ed il mio augurio è che possa ripercorrere le stesse strade vittoriose e di rivivere gli stessi successi che ha provato da giocatore. Kakà? Secondo me, per lui questa è stata una stagione decisamente positiva. Come per i tre nuovi acquisti che inizialmente non riuscivano ad emergere, lo stesso discorso vale anche per Ricardo e per le sue difficoltà dei primi mesi. Nonostante tutto è sempre stato un ragazzo capace di dare il suo contributo, anche nei momenti più bui e duri per la squadra, e ora che tutto funziona un po’ meglio riesce ad esaltarsi, sono davvero contento per lui. Sul suo possibile futuro lontano dai rossoneri non parlo, credo che sappia decidere ciò che è meglio per se stesso e di conseguenza sceglierà”.

Redazione di Milanlive.it