Milan, mani legate sul mercato: senza cessioni nessuna rivoluzione

Berlusconi Galliani
Berlusconi & Galliani

Nomi, strategie, rumors e sogni che per ora rimarrano tali; il mercato del Milan per il momento resta un connubio tra queste caratteristiche mediatiche, che non svelano la realtà dei fatti secondo il Corriere dello Sport. Adriano Galliani avrebbe le mani assolutamente legate e se non fosse per i tre parametri zero già arrivati e per lo sconto del Valencia sul riscatto di Adil Rami, la società meneghina sarebbe immobile nelle trattative in entrata. La questione è semplice: le casse piangono e bisogna aspettare di vendere per reinvestire; al Milan sperano negli addii di Kakà e Robinho per risparmiare circa 18 milioni complessivi dal monte ingaggi, in quella di Balotelli e forse di De Jong per ottenere due cessioni onerose ed un tesoretto da utilizzare per una mini-rivoluzione di squadra, tanto auspicata dal neo tecnico Inzaghi. Ma per il momento regna la passività e la moda di sparare nomi a ripetizione per far sognare i tifosi. La realtà è che senza la strategia dei parametri zero a Milanello non ci sarebbe neanche un volto nuovo.

Redazione MilanLive.it