Milan chievo

Il Milan questa sera ha affrontato il Chievo Verona a San Siro con il preciso scopo di vincere e convincere. Missione compiuta per la squadra di Filippo Inzaghi che supera 2-0 i veneti.

 

PRIMO TEMPO

L’avvio del Milan è deciso e aggressivo.  All’8′ bella discesa sulla sinistra di De Sciglio, il suo cross basso e arretrato arriva a Menez al limite dell’area, il francese calcia bene ma la palla termina di un soffio a lato. Gli ospiti poi crescono, ma senza portare minacce alla porta di Abbiati. Al 18′ Honda serve Torres al limite, lo spagnolo effettua un tiro-cross con la palla che impatta sul destro di Bonaventura e poi finisce fuori di poco. Tre minuti dopo punizione velenosa di Honda. Bardi esce con i pugni respingendo sui piedi di Menez che calcia a colpo sicuro vedendosi respingere la conclusione da Radovanovic. Pochi istanti dopo il giapponese ex Cska Mosca va vicino al gol con un bel tiro di sinistro. Abbiati viene chiamato in causa al 33′, quando Hetemaj tira centralmente dalla distanza. Corner a sorpresa del Milan al 39′, Bonaventura è praticamente a tu per tu con Bardi ma troppo defilato, rimette la palla in mezzo ed il Chievo si salva anche sul successivo tiro di Torres. Ottima punizione tesa di Bonaventura al 41′, la sfera finisce a De Jong che la sfiora quel po’ che basta per mettere fuori gioco un Rami meglio posizionato.

 

SECONDO TEMPO

Il Milan parte forte e al 3′ De Sciglio fa una grande sovrapposizione, premiata da Bonaventura, e crossa all’indietro per Menez che ci prova al volo senza inquadrare la porta. Cinque minuti dopo altro cross di De Sciglio, questa volta per Bonaventura che riesce a girarsi e a calciare facendosi deviare la conclusione in corner. Al 10′ vantaggio rossonero con un tiro strano di Muntari, che prende la palla al volo schiacciandola però poi sul terreno di gioco e la parabola beffarda fa si che per Bardi sia imparabile. De Jong pesca Abate in area al 18′, il terzino di prima intenzione la mette ad Honda che non ci arriva per poco. Ottimo spunto di Menez sul lato destro dell’area, va via in velocità e poi calcia una botta in diagonale che viene respinta da Bardi. Brutta palla persa da Muntari a metà campo, il Chievo parte in un contropiede 3 contro 1 con Lazarevic che però poi spreca tutto anche grazie all’intervento di De Sciglio. Il ghanese due minuti dopo prova a farsi perdonare con un tiro al volo di destro che finisce fuori non di molto. Al 29′ Inzaghi toglie un impalpabile Torres ed inserisce El Shaarawy. Il Milan raddoppia al 33′ con una magistrale punizione di Honda., che poco dopo esce tra gli applausi di San Siro per fare spazio a Poli. Il Chievo produce due buone occasioni con Paloschi ma non le sfrutta. Bonaventura va vicino al terzo gol al 48′ dopo un ottimo spunto di El Shaarawy. Il match finisce ed i rossoneri esultano per la ritrovata vittoria.

 

Redazione Milanlive.it