Antonio Conte
Antonio Conte

L’Italia affronterà Azerbaigian e Malta nelle partite di qualificazione agli Europei 2016. Antonio Conte, commissario tecnico della nazionale azzurra, ha parlato in conferenza stampa da Coverciano dei suoi obiettivi tra le altre cose: “La mia missione è portare la Nazionale all’Europeo, proponendo calcio bello e d’attacco, di una squadra che deve fare sempre la partita. Una mentalità vincente. Mi auguro sempre di trovare disponibilità dei ragazzi, ma sono sereno in questo. Non penso che il calcio italiano sia in crisi, in Europa lo stiamo dimostrando con le prestazioni delle nostre. Dobbiamo continuare a dimostrare questo“.

 

Sulle new entry Pellè e Rugani si è così espresso: “Graziano rappresenta la meritocrazia, ha fatto 50 gol in due anni. Adesso è in un campionato più competitivo rispetto a quello olandese e sta diventando protagonista. Noi guardiamo tutto, la condizione psicofisica ed il tipo di lavoro che possono fare. Da parte mia c’è anche la curiosità di vederli all’opera da vicino per valutarli. Se l’è meritata questa convocazione. Chi fa bene, lo osserviamo e gli diamo una possibilità. Chi arriva a Coverciano deve avere le qualità calcistiche ed extra per rimanerci. Rugani invece è cresciuto in maniera esponenziale, alla Juventus si è allenato con noi in prima squadra. Adesso è cresciuto tanto con l’Empoli, anche quello è un segnale per i calciatori dell’Under 21: noi siamo qua, aperti a vedere delle belle novità e ci auguriamo possano arrivare“.

 

Infine una spiegazione sul tema Balotelli: “Ha inizio un percorso nuovo, non è semplice. Diamogli modo di integrarsi, lo stiamo seguendo come seguiamo tutti quelli all’estero. Io faccio delle convocazioni, non delle esclusioni. E’ diverso“.

 

Redazione Milanlive.it