Marco Van Basten (Getty Images)
Marco Van Basten (Getty Images)

Marco Van Basten, ex fuoriclasse del Milan, ha parlato ai microfoni di Sky Sport della sua situazione di salute dopo aver deciso di fare un passo indietro lasciando la carica di allenatore dell’Az Alkmaar per diventare vice: “Avevo problemi per le responsabilità e lo stress, non dormivo e da qui sono derivati problemi fisici seri che mi hanno portato a dire no. Non ho mai avuto problemi al cuore: adesso ho fatto un passo indietro e sono più tranquillo. Si vive una volta sola. Ho sentito troppo il peso delle responsabilità e così ho spiegato alla società la mia situazione: non riuscivo a lavorare più come prima. Ora sono allenatore in seconda, ho meno responsabilità. Ho vissuto un periodo pesante. Quando non dormi i giorni sono più lunghi. Sono sempre stato una persona molto emotiva. Anche da giocatore sentivo la pressione prima delle partite. Leggevo molto prima di andare a dormire. Come allenatore è stato peggio: alla fine viviamo tutti quanti una sola volta e dobbiamo cercare di fare almeno una bella vita”.

 

L’olandese ha poi parlato dell’esperienza da allenatori del Milan di Clarence Seedorf e Filippo Inzaghi: “Quando Seedorf ha cominciato il suo lavoro come allenatore è stato molto difficile. Il Milan è una grande società. Devi avere un po’ di esperienza per guidarla. Non è detto che se sei un buon giocatore diventi subito un buon allenatore. Vale lo stesso anche per Inzaghi“.

 

Redazione Milanlive.it

 

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it