Juventus v Parma FC - Serie A

Le prestazioni negative  di Andrea Pirlo sono già diventate un caso. La sconfitta della Juventus contro l’Olympiacos hanno inevitabilmente sollevato un polverone su Torino, dove si vogliono capire le cause di una tale metamorfosi dei campioni d’Italia una volta usciti dai confini nazionali. Resta ancora un mistero il perché la Vecchia Signora non sia in grado di esprimere in Europa il bel calcio che gioca nel in Italia, è per questo motivo al centro delle critiche sono finiti i giocatori dalla maggior caratura internazionale, in primis Pirlo. L’ex centrocampista del Milan è incappato in due performance tutt’altro che esaltanti sia in Grecia che contro il Sassuolo, che gli sono valse sostituzioni e pessimi voti in pagella, un calo di forma sicuramente riconducibile però all’infortunio contusivo che lo ha costretto a stare ai box un mese, ma che potrebbe portare Massimiliano Allegri a relegarlo in panchina in vista dei prossimi impegni. Già ai tempi della loro convivenza in rossonero difatti fra i due è risaputo non corresse buon sangue viste le innumerevoli panchine collezionate dal regista, la storia rischia ora di ripetersi se l’ex cardine della mediana di Antonio Conte non ritrova velocemente la brillantezza che lo hanno reso un idolo allo Juventus Stadium. Al momento l’allenatore dei bianconeri sembra non voler commettere nuovamente gli stessi errori di 3 anni fa, le qualità del giocatore sono innegabili e in una stagione così ricca di impegni il mediano bresciano diventa un elemento imprescindibile, ma proprio in virtù della scarsa intesa fra tecnico e giocatore chissà che ulteriori bocciature non possano riaprire una frattura che sembrava rinsaldata.

 

Redazione Milanlive.it

 

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it