Robinho
Robinho

«Notizie divulgate in maniera irresponsabile in Italia e riprese, senza verificarne la veridicità, sulla stampa brasiliana. Robinho non è in alcun modo coinvolto nella vicenda e sono già state avviate tutte le azioni legali. È una vicenda deplorevole e che non ha alcun fondamento e che arriva in un momento positivo come professionista, ma anche a livello personale e familiare». Così i legali dell’ex calciatore del Milan, Robinho, sul sito del giocatore, rispondono con una nota alla notizia della nuova accusa di violenza sessuale nei suoi confronti dopo la denuncia di una donna per un episodio risalente al giugno 2013, a Milano, quando giocava con il Milan.

 

Robinho era stato arrestato nel 2009 e poi prosciolto in Inghilterra per il presunto stupro di una ragazza di 18 anni. «Una vicenda che viene in maniera opportunistica ricordata oggi, le indagini hanno dimostrato l’innocenza di Robinho e portato alla denuncia della responsabile delle false accuse», si legge ancora sul sito del calciatore che sul sito web del suo attuale club, il Santos, afferma in un video: «Per la prima e l’ultima volta affronto questo argomento per rispetto nei confronti della mia famiglia e di tutte le persone che mi amano. Oggi mi sono svegliato con una notizia molto triste che mi ha lasciato profondamente sconvolto. Chi mi conosce sa chi sono, conosce il mio carattere. Grazie a Dio ho una splendida famiglia, ma sono molto triste e arrabbiato per questa storia e i miei avvocati prenderanno i provvedimenti necessari nei confronti dei mezzi di informazione che pubblicano queste notizie false. Ringrazio i miei sostenitori che mi hanno mandato tanti messaggi, in particolare i tifosi del Santos, a loro dico che questa vicenda non inciderà sulle mie prestazioni e sulla mia concentrazione».

 

Fonte: Omnimilano

 

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it