Ancelotti e Inzaghi
Ancelotti e Inzaghi

Il 2015 del Milan è cominciato come peggio non si poteva. Carlo Ancelotti, tecnico del Real Madrid, ha parlato dalla Hall of Fame a Palazzo Vecchio, senza risparmiare anche un pensiero sul momento dei rossoneri: “Il Pallone d’Oro a Loew? Ha vinto il premio meritatamente. Sono contento per Cristiano Ronaldo, ha meritato di vincere. Se sono l’allenatore più invidiato del mondo? Ho avuto una carriera fortunata, ho sempre trovato momenti positivi, sia da giocatore che e da tecnico. Prima di lasciare l’Italia ci ho pensato molto, ma quelle all’estero sono state per me grandi esperienze. La A, difensivamente, resta il campionato con più conoscenze e per questo i ritmi son più bassi. Dove sono stato meglio? Ovunque. A Londra c è grande rispetto, la vita è semplice. A Parigi anche, ma piove tutti i giorni. Madrid, invece, si avvicina molto all’Italia. AdrianoGalliani? Non ha bisogno di consigli, ha esperienza. Filippo Inzaghi ha bisogno di tempo anche se il momento è difficile”.

 

Redazione MilanLive.it