Barbara Berlusconi (foto dal web)
Barbara Berlusconi (foto dal web)

Il Milan attraversa un periodo di crisi a livello di risultati sportivi. Infatti in questo 2015 in 3 partite di campionato ha raccolto solo 1 punto, pareggiando male a Torino e perdendo a San Siro contro Sassuolo e Atalanta. Solo un successo, non del tutto convincente, in Coppa Italia contro il Sassuolo. E la prossima sfida è sabato all’Olimpico contro la Lazio, uno scontro diretto per la corsa al 3° posto, valido per la qualificazione al playoff della Champions League 2015/2016.

 

Proprio dall’accesso alla massima competizione UEFA dipenderanno le future scelte societarie anche in tema di calciomercato Milan. Mancare l’Europa che conta un’altra volta, significa dover rinunciare ai tanti milioni di euro che comporta parteciparvi e dunque chiudere nuovamente il bilancio con una grossa perdita, sanabile solamente con la cessione dei pochi gioielli rimasti.

 

Barbara Berlusconi lavora al Milan del futuro

La Gazzetta dello Sport riporta che, mentre la squadra di Filippo Inzaghi sta incontrano delle difficoltà importanti che finiscono per mettere in discussione anche l’operato di Adriano Galliani in sede di campagna acquisti, c’è una Barbara Berlusconi molto attiva nel cercare di traghettare il club fuori dalla crisi almeno per quanto concerne l’ambito commerciale.

 

L’obiettivo è sempre quello di aumentare il fatturato, che ormai fa registrare un gap sempre più importante rispetto ai top club europei. La figlia del presidente Silvio Berlusconi individuando professionalità importanti per completare l’organigramma e studia nuove strategie per stringere collaborazioni redditizie e per espandere il brand su mercati finora poco battuti.

 

Dalle ultime Milan News risulta che prossima settimana Lady B volerà in Giappone per incontrare i vertici di alcune aziende che potrebbero decidere di legare il proprio marchio a quello rossonero. La novità più importante è però rappresentata dal fatto che la squadra nella prossima estate dovrebbe cambiare la sede della propria tournée. Non più gli Stati Uniti come avviene da qualche anno, ma Cina e Giappone. In quelle zone c’è un bacino di utenza enorme e tutto da sfruttare. Il brand milanista è molto apprezzato soprattutto in riferimento ai successi del passato. Si sta studiando inoltre l’apertura di una replica a Shanghai di Casa Milan, la sede rossonera che in questi mesi ha fatto registrare molte visite e incassi consistenti (oltre 2 milioni da maggio 2014).

 

Ma il progetto più importante di Barbara Berlusconi è senza dubbio quello dello stadio di proprietà. Un sogno che vuole trasformare in realtà. La sua intenzione è quella di presentare la bozza già ad inizio febbraio. La realizzazione di un simile impianto avrebbe un impatto importante sul fatturato. Sarebbe un altro grande successo per lei dopo il rinnovo della sponsorizzazione con Emirates, che porterà nelle casse del club circa 100 milioni (bonus inclusi) nei prossimi 5 anni.

 

Ma la vicepresidentessa e amministratore delegato del Milan non vorrebbe limitare il proprio raggio di azione all’area commerciale, ma preme per mettere mano anche nell’ambito sportivo. Proprio per questo nel recente passato c’è stato uno scontro importante con Adriano Galliani. Il mancato accesso alla Champions League 2015/2016 significherebbe dichiarare il fallimento sportivo di questa stagione e i conti economici ne risentirebbero. Lo storico dirigente rossonero verrebbe messo nuovamente in discussione. Da Verona rimbalza la voce di un nuovo interessamento del club di via Aldo Rossi per Sean Sogliano, attuale direttore sportivo dei gialloblu. Questa volta sarebbe una scelta condivisa da entrambi gli a.d.

 

Redazione MilanLive.it