Filippo Inzaghi (Getty Images)
Filippo Inzaghi (Getty Images)

Ultimo treno per l’Europa, per un tentativo di tornare a solcare mari e lidi ben conosciuti nella storia del Milan; i rossoneri oggi ospitano il fanalino di coda Parma, in un match che sulla carta a San Siro può far ritrovare sorrisi e positività alla squadra di Filippo Inzaghi. Come scrive la Gazzetta Sportiva, non si possono più fare calcoli o tentare soluzioni estreme: serve il Milan di inizio campionato.

 

La squadra meneghina, pur partita con l’ambiziosa idea di tornare in Champions League fin da questa stagione, ha ora la necessità di fare punti anche solo per agganciare un posto in Europa League, la porta secondaria delle competizioni internazionali. Non sarà semplice visto il momento delicato ed una classifica che non sorride, ma Inzaghi punta sulla verve dei nuovi per fare risultato.

 

E scoppia il mistero Alessio Cerci: pare che l’attaccante di Valmontone fosse stato escluso dai piani di Inzaghi nella giornata di giovedì in vista del Parma. La rabbia del giocatore, scontento per le scelte, si sarebbe tramutata in grinta e voglia mostrate in allenamento. Inzaghi ci ha ripensato e si affiderà dunque all’ex Atletico Madrid sulla fascia nel suo nuovo 4-4-2, sperando che le attese vengano rispettate.

 

Redazione MilanLive.it