Milan, Zaccardo: “Dobbiamo essere uniti e dare il massimo per vincere”

Cristian Zaccardo (Getty Images)
Cristian Zaccardo (Getty Images)

Cristian Zaccardo ha giocato come titolare nelle partite del Milan contro Parma e Juventus, ma con il ritorno di Daniele Bonera potrebbe finire nuovamente in panchina.

 

Da Milanello il difensore rossonero ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Milan Channel: “Due settimane fa dopo la partita con il Parma. Mi sono sempre allenato seriamente e poi contro il Parma mi è stata data la possibilità di giocare ed ho ripagato la fiducia. La classifica piange e siamo indietro. Abbiamo avuto difficoltà e dobbiamo ripagare i nostri tifosi. Fa male a tutti vederci così indietro. L’esempio è la base di ogni giocatore. Bisogna sempre dare il massimo. Bisogna sempre dedicare il massimo a questo bellissimo lavoro. Anche l’anno scorso sembravo sul piede di partenza e poi sono rimasto ed anche l’anno scorso ho giocato bene“.

 

Sul momento della squadra è andato a fondo nell’analisi spiegando che c’è il dovere da parte di tutti di dare il massimo per uscire da questa situazione negativa visto il valore della rosa milanista: “Siamo tutti professionisti. Cerchiamo di fare il meglio sempre e quando viene data la possibilità, cerchiamo di ripagare il mister e la squadra con i tre punti. Gli stimoli ci sono sempre. Cerchiamo di recuperare più punti possibili e più posizioni di classifica. Non avrei mai immaginato di venire qui e trovarmi in queste posizioni. Adesso c’è l’Empoli. Squadra organizzata e che giocano molto bene. Troveremo difficoltà, ma come sempre dovremo essere bravi a dimostrare di giocare a San Siro. Dovremo cercare di essere uniti, anche se il pallone scotta. Dovremo essere organizzati e fare cose semplici. Abbiamo una rosa invidiabile. Tocca ritrovare i risultati. La medicina migliore sono i tre punti“.

 

Infine Zaccardo rivolge il proprio pensiero alla sfida di San Siro contro l’Empoli e ai prossimi impegni di campionato: “Adesso si dice che abbiamo un calendario abbordabile, ma sappiamo in questo momento non possiamo sottovalutare nessuno. Pensiamo partita dopo partita. Pensiamo a vincere contro l’Empoli. Dobbiamo concentrarci alla prestazione di domenica, visto che giochiamo alle 12.30 in un orario inconsueto. L’Empoli è organizzato e gioca bene al calcio. Dobbiamo pensare a noi e a vincere i duelli individuali. Dobbiamo fare male anche davanti, cercando di fare gol“.

 

Fonte: acmilan.com