Milan, cercasi alleato per costruire lo stadio: Wanda Group ed Emirates in pole

Tim Clark & Barbara Berlusconi (acmilan.com)
Tim Clark & Barbara Berlusconi (acmilan.com)

Secondo quanto rivelato dal quotidiano Milano Finanza, il Milan sta cercando urgentemente un alleato economico forte che possa partecipare alla costruzione del nuovo stadio rossonero. Un’opera da circa 300 milioni di euro che potrebbe sorgere nell’area del Portello se il club si aggiudicherà il bando emesso da Fondazione Fiera Milano. Fininvest non intende farsi carico di tale spesa e pertanto Barbara Berlusconi lavora per cercare investitori.

 

Nel comunicato emesso dal club si era evidenziato il fatto che non vi fossero problemi per quanto concerne il finanziamento del progetto, dato che sarebbero molte le aziende fattesi avanti per parteciparvi. Milano Finanza spiega che le ipotesi al momento più quotate a livello di partnership sono Emirates e il Dalian Wanda Group.

 

Emirates è lo sponsor ufficiale delle maglie del Milan e poco tempo fa è stato rinnovato il contratto di sponsorizzazione fino al 2020. Le parti non hanno escluso di poter allargare la loro collaborazione anche nell’ambito relativo allo stadio. Il marchio arabo ha già avuto modo di intraprendere questo tipo di investimento, per esempio con l’Emirates Stadium dell’Arsenal.

 

Il Dalian Wanda Group del miliardario cinese Wang Jianlin ha da poco messo le mani sui diritti televisivi del calcio italiano tramite l’acquisizione di Infront e potrebbe decidere di investire denaro anche nel Milan. Il manager Mauro Bogarelli ha spiegato che il colosso asiatico potrebbe essere interessato alla realizzazione dello stadio, mentre per quanto riguarda l’acquisto di quote azionarie del club non si è sbilanciato. Non bisogna però escludere neppure questa seconda pista visto che pochi mesi fa Wang Jianlin ha acquisito il 20% dell’Atletico Madrid per circa 45 milioni di euro.

 

Redazione MilanLive.it