Wanda Group liquida il Milan: “Un miliardo per l’acquisto? Non siamo mica scemi”

Silvio & Barbara Berlusconi con Richard Lee a San Siro
Silvio & Barbara Berlusconi con Richard Lee a San Siro

Un comunicato comparso ieri pomeriggio che sa di rottura o comunque di gelo piuttosto forte tra il Milan e la Dalian Wanda Group, la società cinese capeggiata dal magnate Wang Jianlin, l’uomo che con la sua offerta a Infront Sport da qualche settimana è entrato di diritto a far parte del calcio italiano ed occidentale.

 

Il rumors riguardante la volontà di mister Jianlin di acquisire le quote rossonere ha fatto il giro del mondo; secondo alcuni esperti di calcio e finanza sarebbe proprio il cinese ad essere in pole per entrare a far parte della famiglia Milan, soprattutto per via di un certo interesse nel progetto stadio di proprietà lanciato da Barbara Berlusconi. Ma l’accordo tra le parti e tutto fuorché vicino.

 

Come riferisce la Gazzetta dello Sport, Wanda ha diramato una nota ufficiale che liquida un tantino le velleità del Milan e della famiglia Berlusconi, che ha chiesto recentemente una cifra vicina al miliardo di euro: “Berlusconi chiede un miliardo per vende il Milan, ma il valore di mercato di una società come l’Atletico Madrid è di 225 milioni di euro, mentre Infront è stata acquisita per 1,05 miliardi. La valutazione di Berlusconi si riferisce allora a tutta la Serie A? Wanda Group non è così scema“. Una risposta piccata che raffredda la possibile trattativa ma fa intuire come l’ottimismo sugli eventuali guadagni in casa rossonera sia da regolare in base ai reali valori attuali.

 

Redazione MilanLive.it