Paloschi: “Milan? Nessun rimpianto. Inzaghi resta ancora il mio idolo”

Alberto Paloschi (getty images)
Alberto Paloschi (getty images)

Il Corriere dello Sport ha intervistato stamane l’attaccante del Chievo Verona Alberto Paloschi, giovane centravanti proveniente dal vivaio del Milan. Cinque gol nelle ultime quattro vittorie in campionato dei veneti portano la firma proprio del 25enne attaccante, che la scorsa estate poteva essere riscattato dai rossoneri ed invece è stato lasciato partire senza troppi clamori.

 

Paloschi non sembra rimpiangere tale possibilità, pensando al Chievo ed a costruirsi una carriera in provincia per puntare in alto: “Milan? Non ho rimpianti, nella mia carriera non ne voglio proprio avere. Ho fatto altre scelte anche se potevo tornare in rossonero. Nel mio unico anno al Milan so di aver dato tutto me stesso, ho segnato anche qualche gol. E’ andata così e sono soddisfatto“.

 

La stima per l’idolo Filippo Inzaghi però non è assolutamente svanita: “Pippo è il mio idolo, un esempio da seguire. E’ bello quando qualcuno mi paragona ancora a lui. Quando ci allenavamo insieme a Milanello provavo a rubargli i segreti del mestiere, è stato un campione e un esempio, per essere felice mi basterebbe segnare la metà delle sue reti. Come allenatore? Ha pagato lo scotto di un esordio importante, ma è sicuramente bravo e capace“.

 

Redazione MilanLive.it