Bee Taechaubol (foto dal web)
Bee Taechaubol (foto dal web)

Importanti dichiarazioni di Bee Teachaubol arrivano dalla Thailandia. Dopo aver incontrato il presidente Silvio Berlusconi, infatti, il broker avrebbe rilasciato una lunga intervista a Channel3 in cui avrebbe parlato della trattativa per l’acquisizione del Milan. Il forum MilanWorld.net ha tradotto le sue parole e le ha rese note pochi istanti fa. Attraverso i microfoni dell’emittente thailandese, Mr. Bee parla a 360° dell’operazione per acquisire le quote del club rossonero e rende note le cifre dell’affare:  “Investirò oltre 500 milioni di euro per comprare almeno il 51% delle quote societarie. Ridurrò l’onere dell’investimento grazie a finanziamenti bancari. Personalmente metterò circa 250 milioni di euro. Ho già preparato una strategia per farlo. In questi giorni ho parlato con le istituzioni finanziare coinvolte, compresi fondi d’investimento del Medio-Oriente e la Bank Of China per stilare i dettagli dell’offerta”.

 

Bee Taechaubol spiega poi le motivazioni che lo avrebbero spinto a voler investire nel mondo del calcio e non ha paura del bilancio del Milan, sempre in negativo negli ultimi anni: “Ho iniziato a condurre affari nel calcio a partire dallo scorso anno, anche se sono conscio che la maggior parte dei club abbia perdite rilevanti. Questo però non mi ha spaventato perché ho notato che i ricavi che un club calcistico può generare sono davvero elevati. E queste cifre non arrivano soltanto dai ricchi contratti degli sponsor. Ci sono tanti modi per incrementare il fatturato di un club ed è questa la nostra aspirazione futura.

 

La scelta del Milan, inoltre, deriverebbe da un duplice fattore, un attaccamento personale alla storia del club e ai margini potenziali di crescita del brand rossonero: “Io voglio il Milan perché è il brand numero uno al mondo in ambito calcistico. Ci sono quasi 400 milioni di tifosi rossoneri e vogliamo partire da questa base per allargarla ulteriormente, fino a raggiungere l’ambiziosa cifra di 800 milioni di milanisti sul pianeta. Sono cresciuto negli anni 90’ ed all’epoca venivano trasmesse in tv molte partite della Serie A. In quegli anni il Milan era nettamente la squadra più forte e mi sono appassionato alle loro imprese sportive. La crescita potenziale del Milan è enorme, soprattutto in Asia e non c’è momento migliore di questo per sostenere questo investimento”.

 

Per concludere, il broker ha rivelato alcune battute che si sarebbe scambiato durante gli incontri con Berlusconi e in cui avrebbe rassicurato il presidente di essere l’uomo giusto per la società: “Gli ho detto che sono seriamente intenzionato ad investire nel Milan. E non lo comprerò da solo, ma con il supporto di importanti finanziatori alle spalle per cercare di espandere il brand in Asia e migliorare così la fanbase rossonera nel mondo. Mi ha fatto un grande complimento dicendomi che gli ricordo lui stesso quando a 35 anni conduceva in prima persona affari importanti come questo”.

 

Andrea Panzeri – Redazione MilanLive.it