Bee Taechaubol (foto dal web)
Bee Taechaubol (foto dal web)

Il Corriere dello Sport in edicola oggi traccia il profilo di Bee Taechaubol, colui che entro qualche settimana sarà ufficialmente il socio di minoranza del Milan. Non è un magnate come Roman Abramovich e neppure uno sceicco, ma un broker abile a mettere insieme tanti investitori. E’ nato a Bangkok il 12 settembre 1975, ma è cresciuto in Australia dove ha anche lavorato come cameriere da giovane. Si è laureato in Ingegneria Civile all’Università del Nuovo Galles australiano. In Thailandia ha poi conseguito il master in Business Administration (finanza e marketing). A 19 anni s’è inventato un sito per le compravendite immobiliari e da lì ha cominciato la sua scalata al potere economico, entrando nella finanza con amicizie anche politiche importanti.

 

La sua famiglia è attiva da tre decenni nel ramo dell’edilizia e nel settore immobiliare attraverso il Country Group (fatturato da 100 milioni nel 2012-2013) che opera tra Australia e Thailandia nella acquisizione e nello sviluppo di proprietà, cioè investe in progetti residenziali, commerciali e industriali. I Taechaubol hanno rapporti diretti con la figlia di Deng Xiaoping, leader del dopo Mao in Cina. I nonni di Bee sono cinesi e la madre è la donna più ricca in Australia. Il fratello Ben lavora in ambito immobiliare a Bangkok. E’ sposato con Susie che gli ha dato due bimbi di 2 e 4 anni.

 

Il futuro socio del Milan è a capo della Thai Prime Fund Limited o Thai Prime Company, che si occupa di private equity e cioè di acquisire parti di aziende per valorizzarle. Essa controlla il Country Group e anche la K-Tech Construction Public Company Limited, la Electronics Industry Public Company Limited, la Smart Traffic Company Limited e la Asia Park Company Limited. E’ membro del consiglio di amministrazione del Landmark Development Group di Bangkok (società immobiliare). Nel mondo della finanza è considerato un personaggio affidabile ed il fatto che colossi come Ads Securities di Abu Dhabi e China Citic Bank lo appoggino lo testimoniano. Difficile quantificare il suo patrimonio, ma le sue proprietà immobiliari tra Australia e Thailandia sono numerosissime. La sua forza è la rete di investitori che lo appoggia, un network formato da banche e finanziarie di tutto il mondo.

 

Si è appassionato al Milan degli olandesi guardando le partite in televisioni e si è avvicinato al calcio fondando la GLS, la Global Legends Series, un tour di partite giocate a Singapore, Bangkok e Kuala Lumpur alle quali hanno partecipato ex campioni come Shevchenko, Owen, Nesta, Seedorf, Kluivert e Cannavaro. A breve aprirà tre scuole calcio in Malesia, Suriname e Abu Dhabi.

 

Redazione MilanLive.it

 

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it