Milan, tra Alex e Mexes uno è di troppo: la situazione

Mexes e Alex (foto eurosport)
Mexes e Alex (foto eurosport)

Dopo aver salutato Adil Rami, il Milan è ancora al lavoro per sfoltire il reparto difensivo. Alessio Romagnoli continua ad essere il nuovo obiettivo principale del mercato rossonero, ma prima di accelerare la trattativa con la Roma, l’amministratore delegato Adriano Galliani deve piazzare altri colpi in uscita. Secondo quanto riportato dalla redazione di Calciomercato.com, però, la situazione potrebbe essere più complicata del previsto. Stando a queste indiscrezioni, infatti, la società di via Aldo Rossi era intenzionata a rinnovare il contratto di Philippe Mexes e scaricare il compagno Alex, ma a complicare il tutto è stato un brusco rallentamento nell’operazione che avrebbe dovuto portare il brasiliano al Santos.

 

Il 33enne ex PSG era ad un passo dal ritorno in patria, tuttavia il club paulista non è riuscito a formulare un’offerta economica soddisfacente per il giocatore, rischiando di far saltare l’affare. Con Alex bloccato, il Milan ha dovuto, per forza di cose, fare un passo indietro con Mexes. La permanenza del francese, il cui contratto è scaduto lo scorso 30 giugno, infatti, è indissolubilmente legata a quella del nativo di Rio de Janeiro e le trattative per un nuovo accordo potranno riprendere solamente dopo una nuova partenza in difesa. Se nei prossimi giorni non dovessero esserci altri movimenti in uscita nel reparto arretrato, quindi, Mexes potrebbe diventare la “vittima sacrificale” del nuovo progetto rossonero, nonostante la scelta iniziale fosse ricaduta su Alex.

 

Andrea Panzeri – Redazione MilanLive.it