Milan, il punto sui giovani: ecco chi può restare e chi andrà in prestito

Alessandro Mastalli & Philippe Mexes (foto da acmilan.com)
Alessandro Mastalli & Philippe Mexes (foto da acmilan.com)

Oltre al mercato in entrata e in uscita, in casa Milan si ragiona anche sul futuro dei giovani attualmente aggregati al ritiro della Prima Squadra. Come riportato da Calciomercato.com, non tutti i ragazzi cresciuti con Cristian Brocchi nella scorsa stagione faranno parte della rosa dei 25 voluta da Sinisa Mihajlovic. Se i classe 1998 e ’97 potranno essere reintegrati nella formazione della Primavera, infatti, per i nati nel 1996 dovrà essere trovata una soluzione. Daniel Locatelli, Patrick Cutrone e l’ex Monza Matteo Pessina, dunque, finita la preparazione, proseguiranno per un altro anno il loro percorso di crescita con le giovanili, mentre per gli altri vanno fatte diverse considerazioni.

 

Secondo la redazione di CM.com, i maggiori indiziati a lasciare la maglia rossonera (presumibilmente in prestito) sarebbero Andrej Modic, Davide Di Molfetta e Michael Fabbro, mentre è praticamente certa la cessione del portierino Stefano Gori, schiacciato dalla forte e ben più esperta concorrenza nel reparto. Per quanto riguarda, infine, chi potrebbe restare, Mihajlovic sembra essere rimasto piacevolmente sorpreso dal lavoro svolto in questi giorni da Davide Calabria ed Alessandro Mastalli. Il terzino è sembrato uno dei più brillanti anche nell’amichevole contro l’Alcione e anche il presidente Silvio Berlusconi ha già speso parole di stima per lui. Di questo passo, Calabria potrebbe conquistarsi un posto nel Milan a discapito del deludente Michelangelo Albertazzi. Anche per Mastalli la conferma potrebbe non essere un’utopia: il centrocampista, che ha già esordito in Serie A sotto la gestione Inzaghi, ha dimostrato carattere e personalità e può convincere il tecnico serbo a farlo rimanere. Conoscendo la qualità dell’ex capitano della Primavera, comunque, una sua cessione sarebbe solamente a titolo temporaneo per permettergli di giocare con continuità anche tra i professionisti.

 

Andrea Panzeri – Redazione MilanLive.it