Barbara e Silvio Berlusconi (getty images)
Barbara e Silvio Berlusconi (getty images)

Un meeting a Casa Milan per discutere delle prossime strategie, commerciali e non solo. Padre e figlia in un rendez-vous di lavoro al ristorante della sede rossonera per pianificare il futuro. Silvio Berlusconi, patron del Milan ha incontrato la figlia Barbara, amministratrice delegata, principalmente per il discorso dello stadio di proprietà. Il Cavaliere si è convinto a ‘traslocare’ dallo storico San Siro grazie al progetto presentato da Lady B che sembra ormai piacere a tutti.

 

Lo stadio al Portello sarà uno dei passaggi fondamentali per la crescita del marchio Milan, un elemento che contraddistingue i grandi club del mondo, tutti possessori del proprio impianto, che ne fa le fortune sia da un punto di vista sportivo che da quello economico. Fininvest dovrà sborsare una cifra importante per la costruzione, ma ieri Barbara ha aggiornato papà Silvio sulla strategia di partnership e di naming rights che aiuterà il club a finanziare tutte le costruzioni previste.

 

E intanto a Milano è atteso Bee Taechaubol, anch’egli molto attratto dall’ipotesi stadio Milan. Il broker thailandese a giorni sbarcherà in Italia per il tanto atteso ‘closing’ dell’affare, con scadenza il prossimo 3 agosto. Non ci sarà da preoccuparsi, secondo la Gazzetta dello Sport, in caso di un ritardo di 24-48 ore. L’affare si farà ed il Milan comincerà una nuova era fatta di espansione del marchio sui territori orientali e probabilmente anche di casse societarie nuovamente ricche e mai troppo vuote.

 

Redazione MilanLive.it